L'enorme successo mediatico della serie televisiva Gomorra ha inevitabilmente scatenato numerose polemiche durante gli anni. Ogni stagione (al momento è in corso la terza) è stata accompagnata sia da plausi ed encomi da parte di critica e fan, che da accuse da parte degli haters. Molti telespettatori partenopei, infatti, sono delusi dal fatto che venga data, secondo loro, una rappresentazione sbagliata delle periferie napoletane e che questo incida anche sull'immagine di Napoli e della Campania in generale.

Le recenti polemiche dei magistrati

Nei giorni scorsi, la bocciatura all'amata serie televisiva è arrivata direttamente da tre importanti magistrati italiani: Nicola Grattieri, Federico Cafiero De Raho e Giuseppe Borrelli. I procuratori, pur riconoscendo in Gomorra un eccellente prodotto televisivo, lo hanno classificato come pericoloso in quanto umanizzerebbe troppo i personaggi legati al malaffare e alla malavita campana.

Il rischio, seguendo i loro ragionamenti, è quello di creare empatia tra gli antieroi della fiction ed i telespettatori. Grattieri, Cafiero De Raho e Borrelli, quindi, sconsigliano la visione delle storie legate alla famiglia Savastano in quanto diseducative. Queste parole hanno creato diversi rumors sulla rete e molti fan si sono sentiti rappresentati dalla risposta di Marco D'Amore (Ciro Di Marzio nella narrazione), il quale, oltre a dichiarare che in realtà Gomorra è una denuncia, mette in guardia dal pericolo della censura.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Serie TV

Sul sito di Panorama le 4 motivazioni per guardare Gomorra

Il primo motivo è legato ad una profonda riflessione sulle vicende interne alla narrazione, cioè che il male non paga. In Gomorra, infatti, i protagonisti non vincono mai: dal carcere alla perdita degli affetti, dalla solitudine alla morte, Genny, Ciro, Pietro e gli altri vengono continuamente colpiti da disgrazie, causate dalle loro cattive azioni, quasi come fosse un progetto del karma.

Il secondo motivo è che - nella realtà - i personaggi descritti sono crudeli e privi di umanità, raccontando perfettamente la malvagità e la ferocia che c'è dietro alla macchina della malavita organizzata. Il terzo motivo per appassionarsi alla serie televisiva trasmessa su Sky Atlantic è la denuncia: l'influenza di Saviano e la fedeltà con cui vengono copiati alcuni avvenimenti di cronaca e gli atti processuali portano il telespettatore a riflettere su un mondo che forse prima non conosceva.

L'ultima, ma non per importanza, motivazione per guardare la storia della famiglia Savastano è assolutamente la grande qualità del prodotto cinematografico, dalla regia all'interpretazione magistrale degli attori. Queste caratteristiche hanno portato Gomorra ad essere apprezzata anche all'estero, soprattutto negli Stati Uniti.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto