In questi giorni lorenzo crespi sta facendo molto parlare di sé a causa della sua ultima ospitata nella nota trasmissione televisiva “pomeriggio cinque” condotta da Barbara D’Urso. Durante la sua permanenza nel programma, Lorenzo ha esposto la drammaticità della situazione in cui vive.

La sua verità

Durante la sua intervista nel programma di Barbara, andato in onda la scorsa Domenica, Crespi ha reso pubbliche le sue pessime condizioni di salute e anche economiche in cui versa da molto tempo e ha anche accusato parecchi volti noti di averlo abbandonato a sé stesso.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Un posto al sole

Dopo aver ampiamente esposto la sua condizione da malato grave e la sua difficile lotta alla sopravvivenza, Lorenzo ha cominciato a fare accuse molto gravi a tutti coloro che lo hanno lasciato solo.

In particolare ha puntato il dito contro la Rai e contro una fiction andata in onda dal 2005 al 2007 che a suo dire era nelle mani della Ndrangheta dalla quale lui stesso, oltre che la produzione, ha ricevuto delle intimidazioni.

Le accuse contro Un posto al sole

Lorenzo Crespi dopo le accuse lanciate alla Rai durante la sua ospitata nella trasmissione di Canale cinque, ha continuato ad inveire contro la Rai. Attraverso un tweet ha lanciato nuove gravi accuse ad un altra trasmissione della rete televisiva: Un Posto al Sole [VIDEO]. Dopo il suo tweet, in cui ha scritto chiaramente che la soap partenopea è gestita dalla camorra, ha scatenato un vero e proprio caos mediatico.

Il tweet in difesa dei napoletani

Lorenzo Crespi dopo aver lanciato gravi accuse contro la nota soap napoletana, ha cercato di ricorrere ai ripari questa mattina attraverso un nuovo tweet nel quale ha difeso il popolo napoletano.

Nel tweet ha scritto di essere molto legato ai napoletani da sempre e che per loro ha sempre presenziato alle inaugurazioni della festa di Sant Antonio con piacere. Ha sottolineato che la stampa ha travisato le sue parole che di certo non erano contro il popolo che lo ha sempre accolto con gioia. Ha accusato tutti coloro che hanno manipolato le sue parole di aver approfittato del momento per metterlo contro anche alla camorra. Ha difeso la sua posizione in merito alle accuse contro Un posto al sole, giustificandole come stralci di articoli di giornali già presenti in rete e non come cose inventate da lui. Sul suo profilo poi ha continuato a postare lodi alla città di Napoli [VIDEO] e a tutti i napoletani col chiaro intento di rimanere fuori dalle polemiche che da qualche giorno stanno circolando in rete e che lo vedono protagonista.