Il Festival di Sanremo si è chiuso all'insegna delle accese polemiche tra cui quelle che in queste ore ruotano intorno a i cantanti de Il Volo. Quest'ultimi sono stati pesantemente insultati e offesi dai giornalisti della sala stampa. Il triste episodio si è verificato nel momento in cui Claudio Baglioni annunciava che Il Volo si era posizionato al terzo posto. A quel punto alcuni dei giornalisti presenti in sala si sono scagliati contro i tre ragazzi al punto di gridare: "M***e" - come testimoniano i video caricati in rete e sui social.

Bufera a Sanremo, Il Volo insultato e offeso dai giornalisti

Un atteggiamento a dir poco vergognoso che in queste ore è stato pesantemente criticato nel corso di tutte le trasmissioni che si sono occupate del Festival di Sanremo.

Pubblicità

In particolar modo abbiamo visto che Francesco Facchinetti sui suoi canali social ha mostrato un filmato dove si possono ascoltare chiaramente gli insulti e le offese nei confronti dei tre ragazzi de Il Volo e a sua volta non ha usato parole carine nei confronti dei giornalisti che hanno puntato il dito contro i vincitori di Sanremo 2015.

E in queste ore, dopo la bufera scoppiata in rete e sui social, ecco che anche i tre artisti hanno voluto dire la loro su quello che è accaduto in questi giorni al Festival di Sanremo postando un messaggio sui social.

Il trio ha precisato di aver riflettuto a lungo prima di esprimersi su quello che è successo all'interno della sala stampa del Festival di Sanremo. Alla luce dei filmati che hanno avuto modo di visionare hanno fatto sapere che tali insulti possono essere considerati una vera e propria forma di bullismo nei loro confronti.

La replica su Instagram dopo i pesanti insulti

"Queste persone non hanno portato gloria all'ordine dei giornalisti che rappresentano" - fanno sapere i tre ragazzi de Il Volo aggiungendo poi che in questi dieci anni di carriera hanno avuto modo di leggere molte critiche sul loro conto, ma raramente gli hanno dato peso.

Però, di fronte a dei filmati che testimoniano la cattiveria nei loro confronti, non ce l'hanno fatta a restare in silenzio ed hanno ammesso di aver provato molto fastidio.

Pubblicità

Il motivo? I tre cantanti ritengono giusto che ogni artista debba avere il proprio spazio di espressione musicale. "Essere chiamati m***e" solo perché stiamo facendo ciò che ci piace fare è irrispettoso" - ha riferito Gianluca Ginoble sul profilo ufficiale Instagram.