Ryanair continua a sorprendere. Di una settimana fa la notizia del mega ordine di 175 Boeing entro il 2019. Di martedì la conferma del nuovo accordo collettivo con tutti i suoi assistenti di volo. Un accordo che prevede l'aumento dello stipendio e un'organizzazione più favorevole dei turni di lavoro della compagnia aerea.

Al termine della riunione tra azienda e gruppi di rappresentanza del personale di volo, dal primo aprile si attiverà l'aumento dello stipendio medio del 10% su quattro anni, l'aumento della paga per tutti i gruppi di assistenti di volo, dei supervisori e dei junior. Trovato l'accordo, senza precedenti nel mondo dell'aviazione, del mantenimento di un turno di lavoro fisso denominato “a casa ogni sera”.

Aumentate anche le indennità di supervisione.

Ryanair ha anche negoziato nuovi accordi della durata di cinque anni con i piloti delle sue basi di Alicante, Bristol, Cork, East Midlands, Luton e Shannon che, dal 10 aprile 2013, comprenderanno anche in questo caso: aumento di stipendio fino al 10% su 5 anni. turno di cinque giorni di lavoro e quattro di riposo, aumenti di indennità e pensioni. Ryanair ha infine promesso la negoziazione dei nuovi accordi presso le altre basi nel momento in cui termineranno gli esistenti contratti quinquennali.

Robin Kiely di Ryanair ha dichiarato: Questi accordi riconoscono l’eccezionale produttività fornita dal personale di Ryanair, il cui duro lavoro e dedizione è la chiave dell’abilità di Ryanair nell’espandersi e crescere offrendo più concorrenza, prezzi ultra bassi, e la più grande scelta di rotte.

I migliori video del giorno

È un successo considerevole per i piloti e gli assistenti di volo Ryanair assicurarsi aumenti di salario e turni di servizio favorevoli, in un momento in cui i sindacati in Germania, Italia, Spagna, Svezia e Regno Unito negoziano tagli ai posti di lavoro, agli stipendi e alle pensioni. Ryanair continuerà ad offrire stabilità, sicurezza del posto di lavoro ed eccezionali opportunità di carriera, visto che la compagnia aerea cresce per arrivare a trasportare oltre 100 milioni di passeggeri all’anno entro il 2019, con l’acquisizione di 175 nuovi Boeing 737-800”.