La Turchia ha una fiorente industria turistica basata su antichi siti storici e sulle rovine, ha una metropoli mondiale come Istanbul, le ampie spiagge sabbiose del Mediterraneo e splendide bellezze naturali.

La Turchia ha attirato più di 37,7 milioni di visitatori nel 2012, secondo il Ministero della Cultura e del Turismo, ed è tra le prime 10 destinazioni turistiche più popolari al mondo. Secondo quanto riportato dalla Cnn, oltre 5,2 milioni di visitatori sono arrivati ​​già quest'anno in un aumento di quasi il 14 per cento rispetto allo stesso periodo nel 2012.

Mentre i manifestanti e la polizia anti-sommossa si sono scontrati per giorni a Istanbul, Ankara e in altre città la scorsa settimana, i musei, monumenti e gli antichi tesori che i turisti affollano sono in gran parte rimasti aperti.





Basaran Ulusoy, il capo dell'associazione agenzie di turismo della Turchia, TURSAB, ha riconosciuto che ci sono stati cancellazioni e rinvii da quando la protesta è iniziata la settimana scorsa, ma non ha dato una cifra precisa. "Stiamo cercando di trasformare le cancellazioni in rinvii" Ulusoy ha dichiarato alla stazione televisiva CNBC.



Istanbul, città tentacolare sul Bosforo Stretto, è così piena di famose attrazioni turistiche che è difficile sapere da dove cominciare, la Basilica di Santa Sofia, la Moschea Blu, il Palazzo Topkapi.

Eppure le principali attrazioni turistiche di Istanbul sono a una certa distanza, almeno 30 minuti, da Piazza Taksim e Besiktas, dove è scoppiata la maggior parte della violenza e i turisti erano ancora in fila per i biglietti d'ingresso.

"Abbiamo sentito parlare delle proteste, ma non le abbiamo visto che come una minaccia", ha detto John Bradberry, uno statunitense in attesa di vedere la Basilica di Santa Sofia, la chiesa che divenne una moschea ed è ora un museo.

I migliori video del giorno

"Non abbiamo cambiato i nostri piani e siamo arrivati ​​qui, ci siamo solo stupiti di quanto sia bella e tranquilla ed è stato meraviglioso".



Nei dintorni, a Sultanahmet, la città vecchia di Istanbul, un tecnico di radiologia italiano ha detto di aver sentito parlare delle proteste un giorno prima di lasciare Venezia, ma ha deciso di godersi la sua vacanza comunque.

Eppure la folla in città erano di gran lunga minore rispetto al solito in questo periodo dell'anno e alcuni eventi, come l'Istanbul International Arts Festival e Cultura, sono state rinviate.



Krupali Tejura, un oncologo di radiazione da Newport Beach, California, era in vacanza a Istanbul la scorsa settimana, quando le proteste sono iniziate e venerdì scorso si è avvicinato a Piazza Taksim senza capire cosa stava succedendo.

"Internet e Twitter non c'erano e il mio albergo aveva solo tv turca", ha detto in un'intervista telefonica; una volta che ci si avvicinava alla zona i gas lacrimogeni e gli spray al peperoncino erano così forti che "non si poteva nemmeno respirare.

Uno sconosciuto mi ha dato una maschera per darmi una mano." Altri hanno spruzzato sul viso aceto per neutralizzare le sostanze irritanti nell'aria.



I turisti britannici e quelli russi continua a scendere dagli aerei nel sud della Turchia per vivere tutti i suoi moderni stabilimenti balneari del Mediterraneo, i suoi monumenti classici greci e romani e i vicini paesaggi vulcanici lunari della Cappadocia.

La Turkish Airlines ha intrapreso una grande spinta internazionale con l'assunzione di stelle dello sport come Kobe Bryant e Lionel Messi per attirare i turisti con gli annunci intelligenti.

Il quotidiano Hurriyet ha citato Osman Ayik, capo della Federazione Albergatori turca, che ha detto che la situazione in Antalya sulla costa mediterranea del sud della Turchia è "calma".

"I turisti non sono stati disturbati dall'azione dei nostri cittadini. Tuttavia, se gli incidenti dovessero crescere e si verificassero sviluppi indesiderati, allora potremmo vedere le cancellazioni sulle nostre località costiere".

L'economia turca vale 1.300 miliardi dollari ogni anno, quasi quanto il Canada o la Spagna ed è in crescita; si è ampliata del 2,2 per cento nel 2012 e dovrebbe fare meglio quest'anno, anche se sono molti dei principali partner commerciali in Europa sono in recessione.

Anche se la Turchia è considerata un 'emergente', la sua economia è relativamente ben sviluppata, il settore dei servizi rappresenta circa il 60 per cento della produzione annuale e l'agricoltura solo circa il 10 per cento.