La giornata di domani, venerdì 6 dicembre 2013, sarà caratterizzata da un nuovo sciopero generale dei trasporti che interesserà tutta la nostra Penisola con modalità e orari differenti.

Ad essere interessate dallo sciopero saranno anche due tra le più importanti città italiane: Roma e Napoli. Vediamo nel dettaglio tutte le informazioni utili per quanto riguarda le modalità di protesta.

Sciopero trasporti Roma 6 dicembre 2013: fasce garantite

A Roma, è previsto uno sciopero generale di 4 ore il cui orario di inizio non è stato specificato. Questo, quindi, significherà che i passeggeri si troveranno in una situazione di immenso disagio. Le linee che saranno particolarmente interessate dallo sciopero dei trasporti sono: 38, 63, 80, 80B, 83, 88, 92, 233, 310 e 342. Lo sciopero dei trasporti nella Capitale proseguirà anche sabato 7 dicembre 2013.

Sciopero trasporti Napoli e Torino, 6 dicembre 2013: fasce garantite

Disagi anche Napoli: lo sciopero dei trasporti infatti prenderà il via alle 8.30 e si concluderà alle 14.20. Ritardi e soppressioni possibili per quanto riguarda la Cumana, la Circumflegrea e la Circumvesuviana.

Per quanto riguarda le Linee Napoli-Cancello-Benevento, Napoli-Caserta-Piedimonte Matese, Piscinola-Aversa Centro il servizio potrà subire ritardi, limitazioni e/o soppressioni dalle 9:00 alle 13:00. I servizi poi riprenderanno regolarmente a partire dalle 13.15.

A questo sciopero generale aderirà anche l’Anm, la ditta dei bus, per cui giovedì 6 ottobre 2013 anche i bus subiranno ritardi e cancellazioni. Lo sciopero dei bus è previsto dalle 9 alle 13.

A Torino il servizio urbano, suburbano e quello della metropolitana sarà garantito nelle seguenti fasce orarie: 6-9 e 12-15.