Quando arrivano le feste, e c'è voglia di evadere, gli italiani non si tirano indietro neanche davanti ai pochi soldi a disposizione. Per le vacanze di Natale del 2013 c'è infatti voglia di partire comunque sebbene la parola d'ordine sia low cost.



E così, mentre crollano le prenotazioni presso i tour operator e le agenzie di viaggio, crescono invece quelle per le crociere in promozione e per le mete turistiche dove i costi non sono eccessivi. E comunque si registra il gran ritorno dei viaggi di un tempo, quelli effettuati con il bus.



E' questa la fotografia che è stata scattata da Assoviaggi-Confesercenti con un sondaggio da cui è emerso che il crollo delle prenotazioni presso le agenzie di viaggio ed i tour operator non è da spiegarsi solo con l'aumento del fai da te online.





Il presidente di Assoviaggi, Amalio Guerra, ha infatti sottolineato come la crisi e le incertezze sul futuro, frutto anche dell'instabilità politica, stiano penalizzando un settore che deve essere sostenuto al fine di evitare che tante imprese chiudano e che, quindi, si vada ad alimentare la disoccupazione.

Forte è peraltro il calo delle prenotazioni presso agenzie di viaggio e tour operator non solo per il periodo di Natale e Capodanno, ma anche per il 2014. Quindi, dopo un 2012 pessimo ed un 2013 difficile, di questo passo gli operatori del settore dovranno far fronte anche ad una prima parte del 2014 che non promette niente di buono.