Dal rapporto annuale "Global Destination Cities Index" di #MasterCard, che dal 2011 costituisce una importante banca-dati, analizzando i "comportamenti" dei viaggiatori internazionali, ma che potrebbe essere influenzato dalla gestione dei portafogli riferiti all'utilizzo delle carte di credito del circuito di riferimento, emerge che le città del mondo più visitate sono Londra, Bangkok e Parigi, confermando, in linea di massima, le tendenze registrate in precedenza. Seguono Singapore e Dubai. Queste 5 destinazioni beneficiano del trend di crescita del turismo internazionale riferito ad una classe media in espansione, che si aggiunge ai target di fascia alta, ma è importante l'incidenza dei viaggi di lavoro, e ciò assume importanza non trascurabile se si considera che le imprese fruiscono di strumenti tecnologici che permetterebbero il lavoro a distanza, le videoconferenze e i meeting online.

Tra le 132 città del mondo più visitate, Roma e Milano continuano a essere annoverate tra le prime 20. Milano è al 13° posto (sesta tra le città europee) e, peraltro, nel rapporto che sarà redatto con riferimento all'anno 2015, per effetto dell'evento "Expo", dovrebbe risultare in seguito ancor meglio piazzata, mentre un gradino più in giù, al 14° posto, c'è Roma (che si avvale anche della contiguità con la Città del Vaticano, caratterizzata da un importante turismo religioso).

"L'indice mostra una forte domanda e un interesse per i viaggi aerei, sia per lavoro sia per motivi personali - dichiara Ann Cairns, president of international markets di MasterCard -. Le destinazioni top di quest'anno sono città che hanno assunto una valenza sempre più importante sia come centri di affari, sia a livello culturale ed economico".

I migliori video del giorno

Si registra, dallo studio della GDCI, l'ulteriore crescita delle città dell'area Asia/Pacifico (il 50% delle prime dieci destinazioni della graduatoria), come pure quella di Chicago tra quelle statunitensi. Una curiosità: il 67% dei visitatori internazionali di Londra proviene da altre città europee. Lo studio evidenzia come l'importanza delle interconnessioni tra le città rappresenti la possibilità di attrarre visitatori internazionali attraverso l'"Air Hub Index", creando una rete di efficienti collegamenti aerei che puntano ad elevare le particolari attrattività, non trascurando di considerare (e non solo per le città europee) l'immenso patrimonio artistico e culturale che costituisce un importante richiamo rivelandosi un vero e proprio valore aggiunto. #vacanze estive