Coloro che si apprestano a compiere viaggi in aereo, siano essi di piacere o di lavoro, nel costo del biglietto si troveranno una voce da pagare che contribuisce all'aumento del biglietto stesso, cioè le tasse aeroportuali, che hanno visto nel 2014 un aumento che ha sfiorato il 40%, quasi fino a raddoppiare il costo del biglietto. Il primo punto da sottolineare è che le differenze sostanziali di prezzo si hanno in base alle dimensioni dell'aeroporto, più piccolo è più basse sono le spese, e alla destinazione, ovviamente i voli nazionali avranno delle spese da sostenere inferiori rispetto a quelli con destinazione internazionale.

Costo del carburante e spese per la sicurezza influiscono sulle tasse aeroportuali

Legate a un aumento del costo del carburante, che corrisponde all'aumento del prezzo del biglietto, con un rapporto deciso da ogni singola compagnia aerea in base alla tratta da coprire e alla tipologia di volo nonché alle spese legate alla sicurezza sul mezzo di trasporto, le tasse aeroportuali si compongono di diversi fattori.

Da considerare poi che, se il passeggero si rivolge a un tour operator, può subire, anche nei 30 giorni precedenti al volo, un aumento del prezzo legato ad aumenti del carburante stesso.

Compagnie aeree e tasse aeroportuali

Oltre ai fattori precedentemente elencati, che si possono dire dipendenti dalle compagnie aeree, vi sono anche quelli strettamente legati all'aeroporto. In tal senso contribuiscono alla crescita del prezzo proprio le spese per la sicurezza, su cui i direttori degli aeroporti decidono di investire sempre di più. A questa voce contribuisce sicuramente la dimensione dell'aeroporto stesso e delle forze che si devono mettere in gioco per renderlo un posto quanto più sicuro. A queste voci, si aggiunge anche la spesa "nuova" che si propone di aiutare il Terzo Mondo: tale voce, che comporta un aumento che va da 1 a 40 Euro, dipende da destinazione del volo e classe scelta per il viaggio.

I migliori video del giorno

Infine, a completare una lista già lunga, si sommano ai precedenti fattori anche le spese per l'emissione del biglietto che va da 5 a 20 Euro per i biglietti presi nelle agenzie su internet, e da 20 a 60 Euro per i biglietti emessi dalle agenzie fisiche. Analizzando tutti i dati, è evidente che i costi più bassi si hanno con una ricerca su internet del biglietto, e con la ricerca anticipata della destinazione in quanto si evitano spese per rincari del carburante. Il passeggero, per un grosso risparmio, dovrà affrettarsi, per quanto possibile, a trovare un volo in modo anticipato e sperare che le compagnie low cost offrano sempre di più maggiori possibilità, coprendo tutte le tratte di maggiore interesse.