Ciò che più spaventa gli italiani al ritorno dalle vacanze, è il pensiero di dover tornare al lavoro. Sempre più spesso si torna in ufficio stressati, malinconici, depressi e irritati, proprio perché quelle tanto attese vacanze sono terminate troppo presto. Ma non solo, c'è anche chi al ritorno dalle vacanze accusa dolori muscolari, inappetenza, insonnia e sbalzi di umore, il che rende il rientro al lavoro una vera e propria sindrome. La cosa positiva è che secondo una equipe medica, tutto questo può essere evitato

Prevenire

La parola d'ordine è prevenire il problema. Non bisogna partire per le vacanze e lasciare lavori in sospeso, perché il pensiero delle cose da fare al rientro, non permetterà di godere appieno le vacanze.

Quindi, meglio partire esausti e fare tutto, piuttosto che rimandare. Un'altra cosa molto importante è staccare completamente dal lavoro. Prima di partire sarebbe bene dirottare le e-mail, e magari inserire una risposta automatica che comunichi che siete in ferie, e per quanto sia possibile, spegnere il cellulare. Anche la casa ha il suo ruolo. Prima di partire sarebbe preferibile lasciare la casa in ordine e con il frigo pieno, così che il rientro sarà meno traumatico.

Come affrontare il rientro

Il pensiero del rientro deve essere qualcosa di piacevole. Per renderlo positivo, dobbiamo programmare qualcosa di bello da fare prima di tornare al lavoro. Una cena con gli amici o i parenti, una passeggiata, o un appuntamento con il nostro migliore amico. Tutto ciò renderà l'idea del rientro meno traumatica.

I migliori video del giorno

Bisogna poi riprendere con calma. Prima di tornare in ufficio, sarebbe opportuno prendere qualche altro giorno di riposo, magari iniziando la settimana lavorativa dal mercoledì. Anche leggere può essere un ottima soluzione, visto che la lettura fa evadere se non il corpo, almeno la mente. L'ultima cosa da fare è quella di trasportare le abitudini e l'ambiente delle vacanze anche a casa, quindi qualche pranzo fuori, concedersi qualche divertimento o passione che è stata coltivata durante le ferie estive.