Di Maria e l'#Inter sono l'argomento scottante degli ultimi giorni. Purtroppo per i tifosi nerazzurri non c'è stato nessun contatto tra l'esterno argentino del Paris Saint Germaini. Ecco il punto. Viviamo nell'era delle fake news e quella di Di Maria all'Inter è una di queste. Nessun blitz dei nerazzurri e nessun accordo già trovato, come circolava in rete nelle ultime ore. Il tam-tam mediatico è partito dopo che Pepe è stato accostato all'Inter. Motivo? Il centrale portoghese del Real Madrid ha lo stesso procuratore di #Angel Di Maria, Jorge Mendes. I tifosi già in visibilio dovranno tornare coi piedi per terra...oppure no?

Di Maria e Inter, un affare non ancora fatto

Chiariamo un fatto: non c'è stato ancora nessun contatto tra l'Inter e il giocatore o il Paris Saint Germain, ma ciò non toglie che ci possa essere da qui a breve.

Pubblicità
Pubblicità

Da quanto sappiamo, #Suning vuole investire pesantemente sul mercato estivo, così da poter affrontare da protagonisti la prossima stagione. Angel Di Maria avrebbe l'identikit perfetto per la nuova Inter, a maggior ragione se, come sembra, Perisic dovesse lasciare i nerazzurri. Nel mercato, del resto, nulla è impossibile, soprattutto quando c'è Jorge Mendes di mezzo.

Di Maria ha l'identikit perfetto per l'Inter

Di Maria, 29 anni, ha vagato molto per l'Europa, passando da Benfica, Real Madrid, Manchester United e Paris Saint Germain. Una nuova esperienza in Italia potrebbe stuzzicarlo. La stampa estera dà per certo che l'Inter abbia già presentato un'offerta da 60 milioni per l'esterno argentino. Noi possiamo dire che il giocatore piace parecchio ed è seguito dagli uomini di Suning, ma un contatto ufficiale non c'è ancora stato.

Pubblicità

E non ci sarà fin quando non sarà chiaro chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter.

Il mercato dell'Inter passa dalla panchina

Come ha recentemente affermato il direttore sportivo dell'Inter Piero Ausilio, prima di poter concentrarsi sui colpi in entrata bisogna trovare un allenatore. Iniziare trattative su giocatori adesso sarebbe un po' come procedere per tentativi, non sapendo con quale modulo l'Inter giocherà la prossima stagione. Ecco perché diventa fondamentale andare per gradi e scegliere prima la guida tecnica dei nerazzurri. Il sogno resta Antonio Conte, che però sembra destinato a restare ben saldo sulla panchina del Chelsea, a meno di clamorosi colpi di scena. Stesso destino di Mauricio Pochettino, allenatore del Tottenham già cercato da Ausilio, ma anche qui pare difficile che l'argentino possa lasciare gli Spurs. L'uomo che probabilmente varcherà le porte di Appiano Gentile sarà Luciano Spalletti, libero da qualsiasi contratto e gradito alla società, almeno alla parte italiana.