Oggi è un grande giorno per l'ex first lady Hillary Clinton, in quanto fra poche ore dovrebbe annunciare ufficialmente la sua candidatura alla Casa Bianca, il presidente Obama ha detto su di lei: "Sarebbe un presidente eccellente, lei è una vera amica, ha supportato le mie elezioni nel 2008. Hillary è stata inoltre un eccezionale Segretario di stato, io penso che potrebbe essere una grande leader per gli Stati Uniti". Il presidente degli Stati Uniti #Barack Obama da Panama ha incoronato Hillary Clinton quale principale candidato dei democratici alla sua successione alla Casa Bianca. Elezioni in agenda tra un anno, nel 2016, ma l'ex segretario di stato americano e consorte dell'ex presidente USA Bill Clinton, ha già scaldato i motori ed ha inoltre già affrontato i temi della campagna elettorale.

Pubblicità
Pubblicità

Hillary si impegnerà per una maggiore sicurezza economica per la classe media ed un aumento delle opportunità per le famiglie.

Hillary Clinton, candidatura 2.0

La Clinton dovrebbe annunciare la sua candidatura nella corsa per la Casa Bianca, tramite un video 2.0 postato sui due maggiori social network del web, ossia Twitter e Facebook, poi scenderà subito in campo ad incontrare gli elettori, a cominciare da quelli dello stato dell'Iowa. Per ora Hillary Clinton è senza rivali all'interno del partito democratico, in quanto non si è fatto avanti nessun altro, la sua candidatura spaventa altri possibili sfidanti interni. Dopo il sogno concretizzato da Obama, ossia quello di avere per la prima volta negli USA un presidente afro-americano, ora Hillary Clinton ha intenzione di rendere realtà un altro sogno, quello che il quarantacinquesimo presidente degli Stati Uniti d'America sia una donna, quella donna si tratta di lei.

Pubblicità

L'ex first lady ha peraltro rubato la scena alla conferenza della National Rifle Association, una nota lobby pro-armi, che è solita riunirsi ogni anno nella città di Nashville, dove peraltro hanno sfilato gli attuali e più rappresentativi repubblicani, come: Ted Cruz, Jeb Bush, Scott Walker (governatore dello stato del Wisconsin), Marco Rubio e Rick Santorum.