L'annuale incontro del Gruppo Bilderberg è ufficialmente iniziato in Germania, nella città di Dresda. Il meeting si svolgerà, rigorosamente a porte chiuse, presso l'Hotel Taschenbergpalais Kempinski e durerà sino a domenica 12 giugno. Secondo quanto riportato da un articolo del quotidiano "la Repubblica", anche quest'anno lo staff del Bilderberg ha predisposto ampie misure di sicurezza ai fini di tenere il più lontano possibile giornalisti  e curiosi.

Dalla Lagarde a Elkann, alcuni nomi dei 'big' presenti alla conferenza

Il Bilderberg ha reso noto la lista dei partecipanti al meeting di tre giorni di Dresda, in maggioranza personalità importanti nel mondo della politica e dell'economia. Tra le personalità più influenti invitate spiccano quella del direttore del Fondo Monetario Internazionale Christine Lagarde, della vicepresidente della Commissione Europea Kristalina Georgieva e del presidente della compagnia automobilistica "Fca" (FIAT Chrysler Automobilies) John Elkann.

Pubblicità
Pubblicità

Inoltre, sono da segnalare anche la presenza dei ministri tedeschi Thomas de Maziere e Ursula van der Leyen nonché, per l'Italia, dell'ex Viceministro degli affari #Esteri sotto i governi Monti e Letta, Marta Dassù e del banchiere ed attuale presidente di "Cassa Depositi e prestiti" Claudio Costamagna.

La crisi migratoria e il ruolo di Russia e Cina tra gli argomenti clou

Durante la conferenza del Bilderberg verranno affrontate tematiche di stretta attualità come le sempre più vicine elezioni statunitensi nonché la questione del TTIP e della Brexit, rispettivamente l'accordo di libero scambio tra gli Stati Uniti d'America e l'Unione l'Europea e la proposta di uscita della Gran Bretagna dallo stesso sistema dell'#Unione Europea. Inoltre, gli argomenti "clou" del meeting saranno incentrati sulla questione migratoria e più in generale sulla crisi che imperversa nei diversi paesi dell'Unione Europea nonché sul sempre più crescente ruolo geopolitico che la Russia e la Cina stanno avendo a livello internazionale.

Pubblicità

#crisi migratoria