Viene da Israele un innovativo modo di costruire attraverso il riciclo di container. Nello specifico si tratta di un ponte, basato appunto sui container e sul concetto di riutilizzo. Ecco perché viene chiamato ECOntainers e l'autore è l'architetto israeliano Yoav Messer. Il progetto è relativo alla costruzione di un ponte di 160 metri all'ingresso del parco nazionale Ariel Sharon, nello Stato ebraico, collegando la Lod Road (Strada 461, che va da est di Tel Aviv a Bnei Atarot) alla montagna di Hiriya, dove, appunto, vi è l'ingresso del parco Sharon.

Automobili, pedoni, ciclisti e bus navette ecologiche utilizzeranno il ponte per visitare il parco. Il ponte in questione sarà realizzato in container ormai abbandonati dai servizi marittimi. L'uso dei container consentirà anche di tagliare costi e tempi di produzione del materiale di costruzione.

Nel parco vi era una grande discarica, che raccoglieva rifiuti per oltre 25 milioni di tonnellate. La discarica è stata chiusa nel 1998. Adesso, invece, si vuol costruire il ponte proprio con materiali che altrimenti sarebbero rifiuti, riducendo così l'inquinamento. Chi attraverserà il ponte potrà anche agevolmente godersi lo splendido panorama, dato che verranno costruite delle terrazze ai lati della struttura, rendendo così il ponte veramente molto ecologico.

La collina di Hiriya offre uno splendido panorama ed è meta di numerosi studenti, i quali lì possono vedere direttamente con i loro occhi la trasformazione di Hiriya, utile nello studio di come ridurre e riciclare i rifiuti. È di rilievo la scelta di coprire con pannelli fotovoltaici lo stesso ponte, raggiungendo in tal modo gli obiettivi di creare ombra e così rendere minimo il riscaldamento del ponte ed ovviamente anche generare energia elettrica da usare per il ponte stesso. Gli unici altri materiali che verranno utilizzati, oltre i container ed i pannelli fotovoltaici saranno materiali naturali come legno e pietra. Israele spesso ci stupisce positivamente per ciò che riguarda l'innovatività ed il rispetto dell'Ambiente.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto