È stato celebrato ieri mattina il funerale di Aldo Braibandi, in forma strettamente privata, a Fiorenzuola d'Arda, comune in provincia di Piacenza dove Braibanti nacque, il 17 settembre del 1992. Il decesso è stato causato da un attacco cardiaco, mentre era nella sua casa, a Castell'Arquato, in compagnia del suo cane, Lado.

La notizia della morte, secondo le sue volontà, è stata diffusa dopo due giorni dal decesso. Braibanti è stato partigiano, artista, poeta, teatrante, letterato, cineasta, sceneggiatore, pensatore libertario, studioso di formiche, omosessuale dichiarato, ambientalista. Era figlio di un medico condotto e studiò a Firenze.

Nel 1940 aderì a Giustizia e Libertà e poi al PCI. Nel 1947 lasciò definitivamente la politica attiva e costituì una comunità di artisti ed intellettuali tra i quali Roberto Salvatori, i fratelli Bussotti, Giorgi, il giovane Marco Bellocchio ed altri.

Si trasferì a Roma negli anni '60. Tra il 1964 ed il 1968 subì uno dei processi più clamorosi dell'epoca. Venne condannato a nove anni di reclusione, per plagio verso due "discepoli", reato introdotto dal fascismo nel codice penale e poi abolito nel 1981. In realtà nel processo molto pesò la sua omosessualità. A favore di Braibanti si mobilitarono Pier Paolo Pasolini, Alberto Moravia, Umberto Eco, Marco Bellocchio, Carmelo Bene, Adolfo Gatti, Giuseppe Chiari e molti altri intellettuali. Nell'Italia repubblicana fu l'unico ad essere condannato per tale reato, inteso come riduzione in "in totale stato di soggezione" di un'altra persona, come recitava la legge.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto