Annuncio
Annuncio

Dal gennaio 2014 ci sarà anche la bonifica dell'amianto tra le operazioni coperte dall'ecobonus approvato dal Governo con il decreto legge 63/2013. Il provvedimento già oggi consente agevolazioni fiscali per lavori di ristrutturazione edile, in particolare per migliorare l'efficenza energetica delle abitazioni, ma anche per l'acquisto di nuovo arredo.

Dal prossimo anno il decreto permetterà di detrarre dalla dichiarazione dei redditi fino al 65% delle spese, regolarmente fatturate, sostenute per lo smaltimento dell'amianto.

Annuncio

Un incentivo che potrebbe essere prolungato almeno fino al 2020, rendendolo in sostanza strutturale.

Fino al 31 dicembre 2013 è ancora possibile godere degli incentivi sugli adeguamenti sismici degli edifici. L'opportunità è rivolta alle abitazioni principali e agli edifici destinati ad attività produttive che rientrano nelle zone sismiche 1 e 2, cioè quelle a maggiore rischio e pericolosità. Si potranno detrarre fino a 96mila euro di spese per le ristrutturazioni, considerando però che sono escluse le ricostruzioni a seguito di eventi sismici.

La norma infatti parla chiaramente di lavori per la prevenzione del rischio, adeguamento e messa in sicurezza.

Con la possibilità di pagare meno le bonifiche di amianto, il decreto introduce sempre dal gennaio 2014 la possibilità di detrarre dalla propria dichiarazione dei redditi quegli interventi fatti su impianti idrici e cisterne colpite da inquinamento di arsenico, rilevato dagli organi competenti al di sopra delle soglie minime previste per legge.