La perturbazione che ha visto interessate soprattutto le regioni del centro sud sta lentamente lasciando spazio ad ampie schiarite che nelle prossime ore favoriranno, grazie al fenomeno dell'inversione termica, diffuse gelate sulle vallate e le pianure del nord. L'inverno ha lasciato il segno e in una giornata di festa, nel bel mezzo della primavera ha dimostrato di poter sparare le ultime cartucce.

Finita la fase invernale quali sono i futuri scenari meteorologici?

Sicuramente il fronte perturbato che ha lasciato segno soprattutto sull'appennino centro meridionale è ormai un ricordo.

Nella giornata di oggi 25 Aprile 2016, abbiamo assistito ad un rapido calo delle temperature, calo che ha visto posare la neve sulle località invernali di montagna più importanti del centro sud.Cominciando dalla mattina, dove seppure con temperature più alte rispetto all'ingresso freddo successivo, abbiamo visto riscendere la dama bianca sul comprensorio sciistico di Roccaraso. Il web è immediatamente impazzito e gli appassionati delle neve si sono dati appuntamento nei centri più importanti e più alti per fotografare gli ultimi scampoli di stagione. Dall'Abruzzo, la perturbazione è rapidamente scesa verso il Molise, dove Campitello Matese non ha mancato l'appuntamento regalando la gioia della neve a centinaia di appassionati.

Nemmeno la Campania e la Basilicata sono state "salvate" dall'ondata di freddo ed infatti, ad esser interessate dalle nevicate sono state anche le importanti località sciistiche del Lago Laceno (AV) e della Sellata (PZ) che hanno fatto riassaporare ai propri clienti l'ebrezza di ritornare indietro nei mesi.Ma cosa aspettarci per i prossimi giorni?

Le previsioni sembrano univoche verso un netto rialzo delle temperature che da termiche sotto zero, passeranno a diversi gradi al di sopra, riportando tutto nella normalità. L'anticiclone delle Azzorre tuttavia faticherà ad imperniarsi sul nostro continente e questo potrà favorire condizioni di leggera instabilità nel corso della prossima settimana.