Quando si deve costruire la propria squadra al Fantacalcio c'è una regola base che proprio non si può non rispettare: il numero massimo di crediti. Bisogna far quadrare i conti come fa un buon padre di famiglia, scegliendo quindi quale sono le priorità per la nostra squadra. Dieci volte su dieci si cerca di risparmiare il più possibile per investire poi sugli attaccanti. Ecco perché in rosa dobbiamo anche puntare su delle vere e proprie sorprese, giocatori che non partono titolari ma che possono diventarlo strada facendo.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Serie A

E con grandi risultati. Dando uno sguardo alla lista, ci sono diversi elementi che possono fare al caso nostro.

Tra i portieri la sorpresa potrebbe essere Rafael Cabral, ex Santos, che a Napoli dovrebbe essere il secondo di Reina, numero uno che Benitez ha voluto nella sua squadra.

Ma il brasiliano è in rampa di lancio e punta anche alla nazionale verdeoro. Chissà che non sfrutti bene la prima chance che gli verrà concessa.

Tra i difensori ha un prezzo contenuto Cavanda. Petkovic lo utilizza come laterale destro e lui poche volte ha tradito le attese. Costa poco anche Ceccherini del Livorno. Ha lo stesso cognome del famoso comico, ma lui non fa ridere. Anzi, è un giovane dal quale ci si deve aspettare molto, perché il suo valore l'ha già dimostrato in serie B. Puntiamo anche su Laverone del Sassuolo: esterno destro anche lui, sa spingere molto bene e chissà che non trovi presto spazio dall'inizio.

Vale la pena adesso prendere nella propria fantasquadra anche Laxalt, passato al Bologna, dove sicuramente non impiegherà molto a conquistare un posto da titolare. Le qualità non gli mancano di certo.

I migliori video del giorno

Costo contenuto anche per Acosty del Chievo: questo è un ragazzo da tenere d'occhio, perché dotato di grande corsa e anche di buoni piedi. Può essere davvero la rivelazione di questa stagione. In attacco invece è davvero difficile trovare dei giocatori buoni a prezzi contenuti. Uno di questi però potrebbe essere Boakye, che sarà senza dubbio mandato a giocare dalla Juventus in una squadra che possa garantirgli un buon minutaggio. Con il Sassuolo ha fatto sfracelli, se restasse in Italia è una scommessa da provare.