Sconfitta meritata quella subita dall'Inter di Mazzarri contro il Real Madrid per 3-0, nell'amichevole disputata  allo stadio Edward Jones Dome di St.Louis, nel Missouri: sconfitta senza attenuanti, con la squadra neroazzurra che si è messa a giocare solo dopo aver subito le tre reti dei madridisti. Reti realizzate da Kakà (all'11'), da Cristiano Ronaldo (al 38') e poi un'autorete di Ricky Alvarez (al 68').

Prova opaca quella della squadra interista, con un Mazzarri che inizialmente ha schierato la squadra con il modulo  3-5-1-1, che presentava come punta fissa in avanti Palacio.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Serie A

Ma ugualmente i risultati sono stati pessimi.Purtroppo non è  la prima scoppola rimediata dagli uomini di Mazzarri in queste gare amichevoli estive: infatti già avevano perso contro il Valencia per 4-0 e contro il Chelsea per 2-0. 

Nonostante la sconfitta però il tecnico dell'Inter Walter Mazzarri non sembra affatto preoccupato e ha rilasciato, subito dopo la gara, alcune dichiarazioni: "Almeno due palle gol oggi sarebbero potute entrare.

E' incredibile come non ne sia entrata nemmeno una. Abbiamo creato tanto contro una squadra che concede poco.Rammarico? Sembra paradossale dire questo perché chi non ha visto la partita vede un 3-0 e pensa ci sia stata un dominio netto del Real Madrid. Invece l'Inter ha creato 6-7 occasioni clamorose davanti al portiere. Sicuramente ci è mancata lucidità; ma io sono molto soddisfatto della partita della mia squadra".

Mazzarri non fa drammi: il mister ha visto alcuni progressi della sua squadra, ancora in fase di crescita; passa poi ad analizzare le prove di alcuni giocatori in particolare: "Passo avanti?Certo, abbiamo creato tanto. Ripeto, non ci scordiamo chi avevamo davanti. Alvarez, Palacio e Icardi hanno creato tante palle gol. Olsen ? Ha personalità; ma bisogna stia con i piedi per terra.

I migliori video del giorno

A volte anche lui fa errori banali: due volte abbiamo preso gol per assurdo su contropiede e non avevamo concesso niente quando il Real costruiva da dietro. Rolando ? E' un giocatore esperto, alla luce delle due defezioni che ci sono capitate. Con la difesa a 3, avevamo solo Andreolli in più. Rolando mi ha fatto molto comodo l'anno scorso per raggiungere la Champions".

Questo il tabellino di Inter-Real Madrid, con i giocatori scesi in campo, i cambi effettuati, i gol ed i marcatori:

Inter (3-5-1-1): Handanovic (21′ st Carrizo); Campagnaro, Ranocchia (37′ st Andreolli), Juan Jesus; Jonathan (29′ st Nagatomo), Cambiasso (37′ st Duncan), Kuzmanovic (13′ st Alvarez), Olsen (43′ st Mbaye), Pereira; Guarin (29′ st Belfodil); Palacio (21′ st Icardi). In panchina: Castellazzi, Capello, Laxalt. Allenatore: Mazzarri.

Real Madrid (4-3-3): Diego Lopez; Carvajal, Sergio Ramos (24′ st Mateos), Nacho (35′ st Casado), Arbeloa (1′ st Pepe); Casemiro, Di Maria, Modric (1′ st Khedira); Kaka', Morata, Cristiano Ronaldo (1′ st Jese' Rodríguez).

In panchina: Casillas, Jesus, Khedira, Benzema, Ozil. Allenatore: Ancelotti.

Arbitro: Ismail Elfath (Usa). Reti: 11′ pt Kaka', 38′ pt Cristiano Ronaldo; 68′ st Alvarez (autogol).