Francesco Totti e la Roma. Una storia che va avanti ormai da 21 anni e che dovrebbe proseguire ancora almeno fino a Giugno 2016. E' questa infatti la scadenza che dovrebbe riguardare il prolungamento del contratto che il club capitolino e la bandiera giallorossa stanno discutendo in questi giorni. La trattativa è ormai a buon punto e i pochi dettagli mancanti dovrebbero essere sistemati a breve in modo da poter annunciare il rinnovo la prossima settimana, prima della stracittadina contro la Lazio prevista per Domenica 22 Settembre.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Calciomercato

La parte ancora da definire è quella riguardante l'ingaggio che Totti percepirà nei prossimi anni che, secondo le richieste dell'ex giocatore della nazionale, dovrebbe essere intorno ai 3,5 milioni di Euro netti a stagione contro i 2,8 offerti dai vertici del sodalizio capitolino.

La distanza non dovrebbe essere tuttavia incolmabile vista la volontà delle parti di trovare l'intesa per consentire a Totti di chiudere la sua carriera nella Roma, squadra in cui ha sempre militato e per la quale ha sempre fatto il tifo fin da bambino.

L'entourage di Totti e la dirigenza della Roma, rappresentata dal Direttore Generale Mauro Baldissoni, avrebbero dovuto incontrarsi in questi giorni ma l'appuntamento è stato spostato alla prossima settimana quando presumibilmente dovrebbe arrivare la fatidica fumata bianca. Se le tempistiche fossero rispettate Totti avrebbe certamente una carica in più nell'affrontare la Lazio in quella che rimane comunque la partita più sentita dal numero 10 giallorosso.

Totti continuerà dunque a giocare almeno fino al 2016, alla soglia dei 40 anni, ma il suo legame con la Roma non si scioglierà dopo aver appeso le scarpe al chiodo perché per lui è già pronto un contratto da dirigente della durata di 5 anni a 600 mila Euro a stagione.

I migliori video del giorno

Questo accordo risale ai tempi della presidenza Sensi e consentirà a Totti di legarsi a vita alla Roma smentendo il detto secondo il quale nel calcio moderno non esistono più le bandiere come una volta.