Torna in campo la Serie A 2013/2014 con la 8^ giornata di campionato. Vediamo gli anticipi e i posticipi di questo importante turno, che vedrà numerosi scontri al vertice. L'anticipo degli anticipi, chiamiamolo così, sarà Roma-Napoli, in programma venerdì 18 ottobre, alle ore 20.45, con lo Stadio Olimpico che si preannuncia colmo di tifosi per quella che è la partita più importante del weekend calcistico italiano. A Roma il Napoli si presenterà nuovamente con Higuain in attacco, la cui sola presenza potrebbe creare qualche difficoltà alla capolista, fin qui ancora imbattuta. 

I due anticipi tradizionali della 8^ giornata della Serie A 2013/2014 saranno Cagliari-Catania e Milan-Udinese.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Serie A

Alle ore 18 di sabato 19 ottobre potrebbe esserci l'esordio stagionale dei rossoblu al Sant'Elia, nel loro storico stadio. La squadra di Diego Lopez dunque vive l'attesa del match contro gli etnei con la speranza di poter riabbracciare i propri tifosi, dimenticando l'incubo Is Arenas e le trasferte di Trieste.

A San Siro invece Allegri cerca i tre punti della rinascita con Antonio Di Natale e compagni. 

La domenica della 8^ giornata di Serie A stagione 2013/2014 sarà invece caratterizzata dal  lunch match delle 12.30, mentre alle 15 grande spettacolo al Franchi dove i padroni di casa della Fiorentina ospiteranno niente meno che i campioni d'Italia della Juventus. Alta tensione in tutti gli altri stadi italiani, come ad esempio a Marassi, dove Gasperini ritorna sfidando il Chievo, oppure a Livorno, con Paulinho che cercherà di battere la difesa della Samp, oppure ancora a Modena, con Eusebio Di Francesco che cerca di salvare la panchina contro il Bologna. Match invece dal sapore d'Europa tra Verona e Parma. 

Il posticipo della 8^ giornata della Serie A 2013/2014 sarà invece Torino-Inter. I nerazzurri affrontano il primo match dopo la firma di Thohir, di fatto il nuovo padrone del club meneghino.

I migliori video del giorno

Mazzarri e i suoi giocatori vorranno dunque regalare i primi tre punti della sua gestione al neo presidente del club e salutare nel migliore dei modi il partente Moratti. Ci riusciranno?