Tutto ha inizio nel 1941 quando, all'età di 37 anni, muore il giocatore di baseball Lou Gehrig; da quel giorno la SLA, sclerosi laterale amiotrofica, prende il suo nome.

Il morbo di Gehrin colpiva i giocatori con un'influenza 24 volte superiore (l'11,5%) alle persone normali, infatti i calciatori colpiti dalla malattia sono oltre 40. Le misteriose morti dei calciatori di Fiorentina, Cesena, Sampdoria e Como non sono tutte dovute al morbo di Gehrin ma anche (a quanto sembra) all'abuso di due medicinali: il Micoren e il Cortex. Il Micoren è un farmaco coadiuvante negli stati di affaticamento respiratorio, mentre il Cortex aumenta la capacità muscolare.

Tra le cause di questa malattia ci sarebbero anche i diserbanti e i pesticidi usati nel trattamento dell'erba del campo da gioco.

Sei giocatori della Fiorentina degli anni '70 sono morti: Armando Segato nel 1973 di SLA, Bruno Beatrice nel 1987 di leucemia, Nello Saltutti nel 2003 d'infarto, Ugo Ferrante nel 2004 di cancro alle tonsille, Giuseppe Longoni nel 2006 di vasculopatia cardiaca, Massimo Mattolini nel 2009 di insufficenza renale, ai quali bisogna aggiungere Adriano Lombardi (un ragazo delle giovanili che giocò in Serie A con Como e Avellino) che morì nel 2007 di SLA.



Altri 4 giocatori si sono ammalati gravemente: a Domenico Caso è stato diagnosticato un tumore al fegato, Giancarlo Antognoni, nel 2004, ha avuto una crisi cardiaca durante una partita tra vecchie glorie, Giancarlo De Sisti è stato colpito da un ascesso al cervello e a Giancarlo Galdiolo è stato diagnosticato una forma di demenza frontale temporale.

Sono tanti i giocatori più o meno famosi morti di SLA dagli anni '70 ad oggi, ne ricordiamo alcuni: Ernesto Tito Cucchiaroni nel 1971 in un incidente stradale quando era già malato, Emst Ocwirc nel 1980, Giorgio Rognoni nel 1986, Narciso Soldan nel 1987, Guido Vincenzi nel 1997, Albano Canazza nel 2000, Celestino Meroni nel 2001, Gianluca Signorini nel 2002, Ubaldo Nanni nel 2003, Lauro Minghelli nel 2004, l'arbitro Giovanni Nuvoli nel 2007, Maurizio Gabbana nel 2009 e Stefano Borgonovo nel 2013.

Esistono tante altre morti sospette di calciatori: nel 1969 Giuliano Taccola morì di  insufficienza acuta cardio-respiratoria, Armando Picchi nel 1971 per una forma di amiloidosi, Enzo Scaini nel 1983 di una malformazione cardiaca dopo un'operazione chirurgica, Andrea Cecotti nel 1987 di trombosi carotidea alla gamba sinistra con un embolo al cervello, Andrea Fortunato nel 1995 di leucemia fulminante, Tazio Roversi nel 1999 di tumore al cervello, Mauro Bicicli nel 2001 di tumore al fegato, Fabrizio Gorin nel 2002 di leucemia fulminante, Giuliano Fiorini nel 2005 di tumore ai polmoni, Franco Rotelle nel 2009 di melanoma, Sergio Buso nel 2011 di leucemia, Carlo Petrini nel 2012 di tumore, Piermario Morosini nel 2012 cardiomiopatia aritmogena.

Micoren e Cortexdiserbanti e pesticidi sono le probabili cause di tutte queste malattie; l'unica cosa certa è che tutti questi ragazzi non ci sono più.