Il Gip di Cremona Guido Salvini ha firmato quattro ordinanze di custodia cautelare a seguito di una indagine sulle scommesse clandestine, inoltre ha disposto diverse perquisizioni a carico di persone indagate. Tra queste risultano i nomi dell'ex calciatore del Milan Gennaro Gattuso, conosciuto comunemente in ambito sportivo come "Ringhio", e l'ex calciatore della Lazio Cristian Brocchi. La grave accusa notificata al campione del mondo di Berlino 2006 e al calciatore laziale è "associazione a delinquere finalizzata alla truffa e alla frode sportiva".

Gattuso è attualmente allenatore del Sion (Svizzera), dopo essere stato esonerato recentemente dal Palermo, Brocchi invece è allenatore del settore giovanile del Milan. A carico di entrambi sono state disposte dalla Procura della Repubblica le relative perquisizioni domiciliari in relazione alle indagini eseguite dalla Squadra Mobile di Cremona. I due ex calciatori intrattenevano rapporti con Francesco Bazzani, uno degli arrestati, soprannominato Civ, il quale nel mese di febbraio si era recato presso il centro sportivo di Milanello ed aveva avuto contatti con Gattuso tramite sms per le partite di Milan, Juventus e Lazio e sul risultato delle quali avrebbe cercato di influire per favorire alcune scommesse.

Oltre a Gattuso e Brocchi ci sarebbero altre diciotto persone indagate nel procedimento denominato "Last Bet", inchiesta iniziata nel mese di giugno di tre anni fa nella quale sono coinvolti anche altri ex calciatori di Serie A come Beppe Signori, Cristiano Doni e Stefano Mauri. Le ordinanze di custodia cautelare sono state disposte tra gli altri a carico di Salvatore Spadaro e Francesco Bazzani: i due arrestati sarebbero stati frequentemente in contatto con il mondo delle scommesse clandestine e con diverse società di calcio tramite i propri giocatori, riuscendo a falsare molti risultati di calcio relativi al massimo campionato di Serie A per favorire numerosi pronostici non regolari. Gli arresti sono stati effettuati nelle città di Milano, Bologna, Messina e Rimini. Spadaro sarebbe stato legato ai "bolognesi" di Beppe Signori, mentre Bazzani avrebbe avuto contatti con i commercialisti di Gattuso e con Almir Gecic, che risulta essere un personaggio di rilievo del gruppo degli zingari. Gli altri due arresti sono quelli di Cosimo Rinci, dirigente del Riccione Calcio nonché amico di Spadaro, e Fabio Quadro che invece era il tuttofare delle operazioni.

L'avvocato di Gattuso ha comunicato che il suo assistito è completamente estraneo ai fatti contestatigli e che comunque bisogna attendere ulteriori indagini per trarre le conclusioni di questa brutta vicenda.