La contestazione non lascia tranquilli gli animi in casa Inter. Neanche l'arrivo, in mattinata, del presidente nerazzurro Erick Thohir ha rasserenato la situazione. Prima del match contro il Catania i tifosi del club meneghino hanno duramente contestato, ma lo scialbo 0-0 contro la squadra di Maran non ha fatto altro che far aumentare la delusione dei supporter di fede interista. Prima e dopo la partita, il tecnico Walter Mazzarri, che non ha voluto fare nomi, ha detto chiaramente che i dirigenti dell'Inter conoscono già le sue valutazioni in chiave mercato.

Da domattina, dunque, il direttore tecnico Marco Branca, il direttore sportivo Piero Ausilio e il direttore generale Marco Fassone si rimetterano al lavoro per consegnare a Mazzarri gli uomini richiesti. Ed è sempre attuale il nome di Mirko Vucinic, attaccante della Juventus coinvolto incolpevolmente nella diatriba tra il club bianconero e l'Inter nell'ambito dello scambio saltato con Fredy Guarin. L'arrivo di Thohir potrebbe favorire l'operazione: il magnate indonesiano dovrà lavorare di diplomazia con il presidente bianconero Agnelli che non ha digerito il dietrofront di pochi giorni fa.

In uscita, perde quota la pista che poteva portare Andrea Ranocchia al Borussia Dortmund: allo stato attuale, il club tedesco non sembra avere nessuna intenzione di puntare sul difensore italiano.

Infine, impossibile non pensare al futuro di Fredy Guarin. Il centrocampista è in uscita dall'Inter, ma mancano vere e proprie offerte per il colombiano: in questo senso, nonostante sia una cosa davvero complicata, non può essere scartata una clamorosa riapertura della trattativa per un suo approdo alla Juventus con la quale aveva già raggiunto l'accordo per un contratto da tre anni e mezzo.

Ma il tempo stringe, venerdì alle 23 il Calciomercato chiuderà i battenti per questa sessione e sono ancora tante le cose da sistemare in casa Inter: Mazzarri e i tifosi attendono novità importanti.