E se fosse la rivelazione dei mondiali? La Costa d'Avorio d'altronde è una di quelle squadre che potrebbe stupire in Brasile. Perchè le qualità fisiche di Drogba e compagni non si discutono, ed anche il livello tattico-tecnico della squadra africana è molto alto, complice il bagaglio d'esperienza a livello europeo che si sono fatti i migliori giocatori ivoriani.

Quella di Sabri Lamouchi è una squadra che sembra avere la possibilità di arrivare almeno ai quarti di finale. Ma come gioca la Costa d'Avorio? Lamouchi schiera un 4-2-3-1 per il quale è fondamentale l'apporto dei due giocatori davanti alla difesa, chiamati a fare un gran lavoro in fase di copertura.

In porta dovrebbe esserci l'esperto Barry, classe 79, mentre in difesa occhio a Aurier, classe 92, terzino del Toulouse che in tanti terranno d'occhio. A sinistra Boka, mentre al centro la coppia centrale dovrebbe essere di grande esperienze: Kolo Tourè e Zokora hanno già superato i trenta. A centrocampo dovrebbero giocare Diomande e Tiote, pronti a coprire le spalle a dei giocatori che possono fare la differenza. Quali? Sui due lati l'imprendibile Gervinho e Kalou, altro giocatore tornato a giocare ad alti livelli in Francia. E poi, dietro la punta, c'è un giocatore incredibile come Yaya Tourè, centrocampista potente e con un grande fiuto del gol.

A proposito di reti, il centravanti della Costa d'Avorio sarà ancora Didier Drogba. All'ultima grande competizione della sua carriera, il bomber ex Chelsea dovrà essere uno dei trascinatore degli arancioni d'Africa. Il girone C non sembra impossibile. Le partite della Costa d'Avorio sono in programma il 14 giugno contro il Giappone, il 19 giugno contro la Colombia e il 24 giugno contro la Grecia.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto