Nel weekend torna in campo la Serie A con l'ottava giornata della stagione 2014/2015, che si aprirà in maniera un po' inusuale. L'ottavo turno di campionato prevede, infatti, tre anticipi, il primo dei quali si giocherà sabato 25 ottobre alle ore 15.00: Empoli e Cagliari si sfideranno allo stadio Carlo Castellani per conquistare tre punti che premetterebbero ai toscani di avvicinarsi alla side A della classifica e agli uomini di Zeman di allontanarsi dal terz'ultimo posto. Sabato alle 18.00 si respirerà già aria di sfida salvezza al Tardini dove si giocherà Parma - Sassuolo, con la squadra di Di Francesco reduce dal bel pari ottenuto contro la Juventus.

Il terzo ed ultimo anticipo (ore 20.45) può decisamente considerarsi un big match visto che la Roma sarà ospitata da quella che finora è la rivelazione del campionato: la Sampdoria di Sinisa Mihajlovic. I giallorossi, in caso di sconfitta, potrebbero essere agganciati al secondo posto dagli stessi blucerchiati ma, soprattutto, rischierebbero di vedere allontanarsi nuovamente la Juve.

Sfide e orari previsti per l'ottavo turno di serie A: le partite della domenica.

Domenica 26 ottobre non ci sarà l'ormai consueto appuntamento dell'ora di pranzo; si inizierà quindi alle ore 15.00 con tre sfide: Udinese - Atalanta, Chievo - Genoa e Juventus - Palermo. Occhi puntati, naturalmente, sulla prima della classe, ma anche sull'esordio di Maran, alla prima partita sulla panchina del Chievo dopo l'esonero di Eugenio Corini in seguito alla brutta sconfitta di settimana scorsa contro la Roma. 

Tre incontri previsti per le ore 18.00: Napoli - Verona, Cesena - Inter e Lazio - Torino.

I migliori video del giorno

I nerazzurri di Mazzarri sono costretti a vincere per non deludere ulteriormente i tifosi, che ora vedono la propria squadra in nona posizione e già staccata dalla testa della classifica di dieci lunghezze in appena sette turni di campionato. L'ottava giornata di serie A si chiuderà alle 20.45 con l'interessante match tra Milan e Fiorentina che vedrà i rossoneri tentare di avvicinarsi ai primi posti e i viola fare di tutto per tornare in una posizione di classifica degna del suo blasone.