Una partita stregata per i bianconeri. Olympiakos-Juventus finisce 1-0 per i greci in questa terza giornata della fase a gironi di Champions League. E così dopo la Roma anche l'altra italiana impegnata in questa competizione complica maledettamente la sua corsa verso la prossima fase di Champions. Ha deciso il gol di Kasami, ma se l'Olympiakos ha portato a casa la vittoria è merito del portiere Roberto, che ha salvato la sua porta in più occasioni. Ecco comunque i voti e le pagelle dei giocatori bianconeri in Olympiakos-Juventus 1-0.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Juventus

Buffon 6: incolpevole in occasione del gol subito, per il resto non deve compiere grandissimi interventi.

Ogbonna 5: bocciato in greco. Mitroglou e Dominguez lo hanno messo in difficoltà con la loro tecnica.

Dal 30' st Pereyra sv: troppo poco in campo per poter lasciare il segno.

Bonucci 6: il migliore della difesa, pur senza strafare. Cerca quando può di spingersi anche in attacco.

Chiellini 5.5: si perde spesso gli attaccanti greci e per uno come lui non è normale. Rimandato.

Lichtsteiner 6: presidia bene il suo lato, uno degli ultimi a mollare. Ha avuto anche una buona occasione per segnare ma l'ha fallita.

Vidal 5.5: lotta in mezzo al campo, ma sembra avere meno energie degli avversari. I tifosi della Juventus, specie in Champions League, da lui pretendono ben altro.

Pirlo 4: Inguardabile. Dov'è finito il campionissimo? Non ne azzecca praticamente una e Allegri lo deve richiamare in panchina nella ripresa. Dal 10' st Marchisio 5.5 Poche idee e anche confuse. Ha fatto solo un po' meglio del compagno.

I migliori video del giorno

Pogba 5.5: Qualche buon guizzo ma nulla di più. Il cuore non gli basta. Dal 40' st Giovinco sv

Asamoah 4.5: una prestazione non all'altezza della sua fama. Non spinge mai.

Tevez 5.5: magari non la sua miglior serata, però appena può calcia in porta. Da lui ci si aspetta di più.

Morata 7.5: il migliore della Juventus. Gli viene concessa una chance in Champions e lui risponde alla grande. Roberto gli nega la gioia del gol, ma la sua è una grande partita.