Il programma degli anticipi di sabato 1 novembre si chiuderà alle 20,45 con Parma-Inter: la sfida, valida per la 10^ giornata di Serie A, metterà di fronte due squadre che per diversi motivi avranno il dovere di portare a casa i 3 punti; il Parma per uscire al più presto dalla crisi, l'Inter per continuare la corsa al 3° posto.

Qui Parma - I soli 3 punti conquistati dopo 9 giornate di campionato hanno fatto precipitare la squadra di Donadoni all'ultimo posto della classifica di Serie A: il bilancio di una vittoria e 8 sconfitte è abbastanza inquietante, specialmente per una Società che l'anno scorso ha sfiorato (e sul campo probabilmente avrebbe meritato) l'accesso all'Europa League; se a questo aggiungiamo il fatto che delle "grandi", il Parma ha incontrato solo Milan e Roma, capiamo quanto sia complesso il momento degli emiliani (peggior difesa con 21 gol incassati).

La non abitudine a lottare per la permanenza in Serie A inoltre complica, giornata dopo giornata, il cammino di Cassanoe compagni: serve un immediato cambio di passo, serve una svolta, e quale occasione migliore di sabato sera per farlo?

Donadoni, che è sempre alle prese con il problema-infortunati (altro aspetto complice dell'avvio di stagione negativo), contro l'Inter dovrebbe riproporre il 3-5-2 con Belfodil e Cassano in attacco: De Ceglie invece è sulla via del recupero, anche se il titolare di sabato sarà ancora una volta Gobbi (sulla fascia).

Parma (3-5-2): Mirante; Felipe, Costa, Santacroce; Gobbi, J.Mauri, Lodi, Acquah, Rispoli; Cassano, Belfodil.



Qui Inter - Nonostante i fischi, e nonostante l'amore tra Mazzarri e i tifosi non sembra proprio voler decollare, l'Inter è in netta ripresa come dimostrano le vittorie di Cesena e, ultima, quella di mercoledì con la Samp: a solo un punto dal 3° posto, i nerazzurri hanno l'occasione di prolungare la striscia positiva di risultati contro un Parma in seria difficoltà, anche se la gara di sabato sera è decisamente meno scontata di quanto non appaia oggi.

Mazzarri dovrà nuovamente far fronte ad una vera e propria "moria" di giocatori: Campagnaro, D'Ambrosio, M'Vila, Osvaldo, Nagatomo e Jonathan non recuperano per la sfida sabato, senza contare che pure Guarin (contrattura contro il St.Etienne) ed Hernanes (affaticamento) restano in dubbio e una loro presenza è tutt'altro che scontata.

Riconfermato l'undici che ha battuto nel finale la Samp: l'unico ballottaggio resta quello Kuzmanovic-Hernanes, sempre che il centrocampista brasiliano recuperi e sia inserito quantomeno nella lista dei convocati.

Inter (3-5-2): Handanovic; Ranocchia, Vidic, Juan Jesus; Dodò, Kuzmanovic, Kovacic, Medel, Obi; Palacio, Icardi.

Pronostico e quote- L'anno scorso finì 3-3 all'andata (a San Siro) e 0-2 per l'Inter al Tardini: il bilancio degli ultimi 5 incontri tra queste due squadre è perfettamente in parità (2 vittorie a testa ed un pareggio), e spesso le sfide tra Inter e Parma sono state ricche di gol.

Per gli scommettitori l'Inter è favorita (segno 1 a 3,10, X a 3,30, 2 a 2,30), anche se non quanto la diversa posizione in classifica porterebbe a pensare: in 4 partite lontano da San Siro la squadra di Mazzarri ha vinto solo una volta (2 pareggi e una sconfitta), in casa il Parma le ha perse tutte; il nostro consiglio pertanto è di puntare sull'over 2.5 (2,00) oppure, in alternativa, sul pareggio (quota X a 3,30).

I migliori video del giorno