Chiuso l'anno solare 2014 con il bel pareggio in casa della Roma, il Milan già si proietta sulla finestra invernale del Calciomercato. In particolare, gli obiettivi dei rossoneri saranno calciatori di qualità ed estro per permettere alla squadra di compiere quell'ulteriore salto di qualità, necessario per raggiungere l'agognato terzo posto. Inoltre, si terrà conto della partenza di Honda che a gennaio sarà impegnato col Giappone nella Coppa d'Asia e, considerate le ottime prestazioni sfoderate dal giocatore nipponico, la sua sarà un'assenza "pesante" per il Milan. Ecco perché diventa sempre più importante setacciare il mercato alla ricerca di talento e qualità.

Cerci o Diamanti per dare ulteriore qualità al reparto avanzato

In attesa di affari o di opportunità last-minute, al momento sono due i giocatori che il Milan sta osservando con maggiore interesse. Il primo è un obiettivo dichiarato e risponde al nome di Alessio Cerci: l'esterno offensivo è in rotta con l'Atletico Madrid e tornerebbe volentieri in Italia. Sull'ex giocatore del Torino c'è anche l'Inter, con Mancini che avrebbe indicato in Cerci l'uomo giusto per dare maggiore imprevedibilità e qualità al gioco offensivo nerazzurro. Il secondo obiettivo milanista sta emergendo nelle ultime ore ed è un altro calciatore italiano che gioca all'estero. Si tratta di Alessandro Diamanti che attualmente milita per la squadra cinese del Guanzhou. L'ex trequartista del Bologna, a pochi mesi dal trasferimento in Cina, pare sia già stufo di quest'esperienza e vorrebbe tornare a giocare in Serie A.

I migliori video del giorno

Dunque, se arrivasse una chiamata dal Milan, non ci penserebbe su due volte prima di accettare. Nel caso di Diamanti, però, il club di Berlusconi è titubante per l'età del calciatore che, essendo un classe '83, viaggia verso i 32 anni e sarebbe fuori luogo rispetto alla politica di svecchiamento attuata dalla società. Per questo motivo, se non si dovessero trovare occasioni economiche e giuste per migliorare la rosa, Galliani potrebbe anche riportare a Milanello Simone Verdi, 22anni, che attualmente gioca nell'Empoli e che ricopre lo stesso ruolo di Honda al Milan.

Il caso Torres e gli outsider Sneijder e Pandev

Prima di acquistare, però, il Milan deve fare la conta in attacco. Infatti, in rosa ci sono molti giocatori offensivi che Inzaghi finora ha utilizzato con il contagocce, come Pazzini, Niang, ed El Shaarawy che da quando è tornato Montolivo, con Bonaventura spostato nel tridente d'attacco, sta facendo parecchia panchina. Sarebbe, quindi, importante sfoltire un po' l'organico prima di procedere con dei nuovi innesti, anche se il giocatore che in questo momento appare completamente fuori dall'ambiente rossonero è un altro e si chiama Fernando Torres.

Al di là delle dichiarazioni di facciata, il club non è contento delle prestazioni dell'attaccante spagnolo, il quale settimana dopo settimana è scivolato sempre più in basso nelle gerarchie di Inzaghi. Anche Torres, a questo punto, vorrebbe andare via, ma è prigioniero di un ricco stipendio da 400.000 euro netti al mese che in pochi possono garantirgli. Tuttavia, l'ex centravanti del Chelsea potrebbe essere utilizzato come pedina di scambio con l'Atletico Madrid per arrivare a Cerci. Infine, in tema di entrate, occhio agli ex interisti Sneijder e Pandev che non percepiscono lo stipendio al Galatasaray e non vedono l'ora di scappare dal club turco.