Mancano pochi giorni all'apertura del mercato e la Juventus guarda con fiducia al mercato invernale grazie al tesoretto della Champions. Col passaggio agli ottavi, infatti, i bianconeri hanno già incassato più di 60 milioni di euro e questo permette a Marotta e Paratici di avere maggiore potere di acquisto. Nonostante alcune recenti complicazioni, il giocatore più vicino a vestire la maglia bianconera è il talento croato Kramaric, giocatore classe 1991 che in questi giorni ha rifiutato un'offerta molto allettante da parte del Leicester. Il croato ha già l'accordo con i bianconeri che, però, devono trovare l'intesa finale con il club che detiene il cartellino del giovane attaccante.

Insieme a Kramaric, in cima alla lista degli obiettivi c'è il terzino Montoya del Barcellona. Il ventiquattrenne spagnolo ha già annunciato il divorzio con il blaugrana e la Juve si è già mossa da tempo. Lo spagnolo gradisce la destinazione torinese, ma il Barcellona non vuole cederlo in prestito come richiesto dalla dirigenza bianconera. Inoltre la clausola rescissoria di Montoya è fissata a 20 milioni, ma i blaugrana sanno che dovranno abbassare le pretese se non vogliono perderlo a costo zero. È molto probabile che la stretta di mano si raggiungerà con la formula del prestito con riscatto. Montoya può ricoprire il ruolo di terzino sinistro e destro, qualità necessaria ai bianconeri per far rifiatare Evra e Lichtsteiner visti i lunghi infortuni di Asamoah e Romulo.

I migliori video del giorno

Ma gennaio sarà fondamentale per i bianconeri anche per quanto riguarda Calciopoli. Infatti il 22 gennaio la Cassazione pronuncerà la sentenza riguardo ai ricorsi dei legali di Moggi e Giraudo. Se questi dovessero essere accolti anche solo in parte, Agnelli chiederà la revisione del processo di Calciopoli visto che la giustizia ordinaria ha fatto cadere molte certezze alla base del processo sportivo del 2006. La revisione può essere fatta una sola volta e così Agnelli sta aspettando di avere quanto più materiale possibile per cercare di riottenere gli scudetti revocati e il risarcimento danni dalla Figc.