Annuncio
Annuncio

Dopo la sconfitta rimediata in Grecia contro l'Olympiacos, molti tifosi e giornalisti si sono interrogati sulla dimensione europea della Juve di Allegri che non sembrava aver fatto molti miglioramenti rispetto a quella di Conte. Nella scorsa edizione, i bianconeri guidati dal tecnico leccese uscirono prematuramente dalla Champions durante la fase a gironi e il copione di quest'anno sembrava essere quasi identico. La Juve si è vista ad un passo dall'eliminazione nel corso del secondo tempo della partita di ritorno contro i greci, match che al 60' vedeva i bianconeri sotto di un gol e a sei punti.

Grazie ai colpi di Llorente e Pogba, i bianconeri riuscirono a rimontare e vincere la partita contro i biancorossi e poi anche quella successiva contro il Malmoe, distanziando di un solo punto la qualificazione agli ottavi.

Advertisement

Prima dell'ultima partita contro i vice-campioni dell'Atletico Madrid, in molti hanno rivisto i fantasmi del 2009 contro il Bayern Monaco e sopratutto quelli dell'anno scorso di Istanbul, ma gli uomini di Allegri sono riusciti ad ottenere il pareggio necessario per il passaggio del turno, eliminando così l'Olympiacos e l'incubo della retrocessione in Europa League. Inoltre questo passaggio agli ottavi è importante sia per il ranking sia per l'economia della squadra che nel mercato di gennaio potrà contare su 10 milioni di euro in più. Tuttavia non tutti i tifosi della Juve hanno apprezzato il modo in cui è arrivato questo accesso alle fase finale della massima competizione continentale.

Negli ultimi cinque minuti di gioco, infatti, i giocatori della Juve si sono cimentati in un torello che è stato accompagnato dai fischi di una piccolissima parte dello stadio che, invece, sperava nell'impresa di raggiungere il primo posto grazie ad una vittoria con due gol di scarto sugli spagnoli.

Advertisement
I migliori video del giorno

I bianconeri, accompagnati dalla calorosa spinta dal pubblico, hanno comunque provato a rendersi pericolosi nei primi minuti di gioco, ma poi, vista la solidità difensiva dell'Atletico e la contemporanea vittoria dell'Olympiacos, i giocatori hanno cominciato a fare qualche calcolo, accontentandosi di passare il girone come secondi. Sicuramente questa Juve è ancora inferiore ai top club europei, ma considerando le aspettative di quest'estate dopo le dimissioni di Conte e le conseguenze negative che avrebbe portato un'eventuale eliminazione ai gironi, i tifosi bianconeri possono (e devono) essere contenti di vedere di nuovo la loro squadra tra le prime sedici d'Europa.