Mario Balotelli ci ha abituato ai suoi colpi di testa e quando ti ritrovi una brutta nomea ogni passo diventa un passo falso. L'ennesima vicenda che fa trovare Super Mario nei guai è un post su Twitter di una foto umoristica su SuperMario Bros che in molti non hanno digerito definendola razzista. Ora Mario Balotelli è stato posto sotto inchiesta dalla Football Association per razzismo.

Per Balotelli accusa di razzismo dalla Football Association

Che l'avventura di Super Mario Balotelli, tornato in Inghilterra con la maglia del Liverpool dopo una breve permanenza in Italia con quella del Milan, non sia il top della carriera del giovane calciatore italiano è ormai noto.

Però Balotelli sembra non perdere il vizio di far parlare di sé, purtroppo in negativo. Stavolta il danno è grosso e la Football Association lo pone sotto inchiesta con l'accusa di razzismo. Che in Inghilterra siano molto rigidi e fiscali è noto ai molti ma stavolta è bastato un tweet per mettere nei guai il calciatore italiano.

Il tweet che rischia di costargli caro

Si tratta di un'immagine che ritrae SuperMario Bros e lo descrive come un idraulico italiano creato dai giapponesi che parla in inglese e porta i baffi come i messicani, raccogliendo soldi come gli ebrei. Poche righe neanche scritte di suo pugno ma una delle immagini umoristiche che girano per il web ma che stavolta hanno urtato la sensibilità di qualcuno. Ora Mario Balotelli rischia fino a cinque giornate di squalifica che di certo non lo aiuteranno nel rapporto col suo nuovo club, che non si presenta già come una relazione idilliaca.

I migliori video del giorno

L'attaccante dei Red Devils ha ora poco tempo per difendersi, precisamente fino alle ore 18 del prossimo 15 dicembre. Balotelli ha immediatamente rimosso il post incriminato e porto le proprie scuse a tutti coloro che si sono sentiti offesi dall'immagine, sottolineando che il suo scopo era quello di fare del sano umorismo non quello di offendere con parole razziste. Ciò non è stato abbastanza ed ora dovrà vedersela con la giustizia sportiva.