I problemi di Carlo Ancelotti e del suo Real per la sfida di Champions di mercoledì 22 aprile contro i cugini dell'Atletico non finiscono con infortuni e squalifiche. Oltre alle assenze di Luka Modric, Gareth Bale, Karim Benzema (infortunati) e Marcelo (squalificato) e una formazione da inventare, l'allenatore italiano dovrà affrontare anche la cabala, decisamente a favore dei cugini Colchoneros.

Le tre volte in cui, giocandosi una qualificazione europea, l'Atletico ha dovuto affrontare gli avversari dopo aver pareggiato per 0 a 0 in casa, la squadra del Manzanarre ha sempre passato il turno.

È c'è di più, con fortune alterne è sempre riuscita ad arrivare in finale. Se questo non è un brutto presentimento per il Real di Carlo Ancelotti, decidete voi. Ma andiamo con ordine. Per scovare la prima volta che l'Atletico ha dovuto superare il turno dopo un pareggio a reti inviolate al Calderon dobbiamo risalire alla Coppa dei Campioni edizione 1973/74. Gli spagnoli si giocano il passaggio del primo turno contro i turchi del Galatasaray, come detto la partita di andata giocata a Madrid si chiude sullo 0 a 0, nel ritorno dopo una partita sofferta Ignacio Salcedo segna al 90 regalando il passaggio del turno ai suoi.

Da quel momento in poi è una cavalcata fino alla finale, dove l'Atletico incontra il Bayern Monaco, la prima sfida finisce in pareggio (a quel tempo non si decideva la vittoria di una finale ai rigori), nella ripetizione gli spagnoli vengono battuti sonoramente per 4 a 0.

Durante l'edizione 2009/10 della Europa League, lo Sporting Lisbona, negli ottavi di finale, strappò il pareggio a un Atletico in cui giocavano Diego Forlan, il Kun Aguero, Tomas Ujfalusi e David De Gea, tra gli altri, ma al ritorno a Lisbona una doppietta di Aguero fissò il risultato sul 2 a 2. Passaggio del turno conquistato e dopo aver fatto fuori nell'ordine il Valencia e il Liverpool si arriva alla finale, dove questa volta l'Atletico ha la meglio sull'Fulham: 2 a 1 ai supplementari con doppietta di Diego Forlan.

L'ultima volta che l'Atletico ha "recuperato" uno 0 a 0 casalingo in Europa è storia recente. Ultima edizione della Champions, nella partita di ritorno delle semifinali il Chelsea di Mourinho aspetta al varco gli uomini di Simeone allo Stamford Bridge. In Inghilterra sono tutti convinti del passaggio del turno per la squadra dello "Special One", invece è l'Atletico a sorprendere: 1 a 3 ai padroni di casa e si spalancano le porte per la finale di Lisbona contro i cugini del Real.

Sappiamo tutti come è andata a finire il maggio scorso: i Colchoneros perdono ai tempi supplementari e i "Blancos" di Ancelotti conquistano la Decima Champions.

Al Bernabeu l'Atletico si troverà di nuovo di fronte a un risultato di 0 a 0 rimediato nella partita casalinga di andata, come lo ha definito Ancelotti "Il miglior risultato tra i peggiori". Da parte degli uomini di Simeone la cabala e la voglia di rivincita, per il Real la necessità di vincere per continuare a sognare la Undicesima e salvare una stagione che sembra sempre più compromessa. Per Diego Simeone, inoltre, c'è l'ennesimo record da raggiungere: se uscirà imbattuto dal Bernabeu supererà Pep Guardiola che ha una striscia di 7 partite senza perdere contro il Real, il "Cholo" arriverebbe a otto, come il numero di match in cui Atletico e Real si sono affrontati in questa stagione.