La Fiorentina, impegnata in queste ore nella chiusura dell'affare legato al bomber croato Nikola Kalinic, avrebbe ricevuto una proposta da parte della Roma per l'attaccante argentino Juan Iturbe. Il velocissimo attaccante è giunto alla Roma dal Verona nella scorsa stagione, nel corso della quale non riuscì a convincere del tutto i dirigenti e i tifosi romanisti.

Dopo i recenti colpi di Sabatini per rivoluzionare la linea offensiva, Iturbe troverà sicuramente preclusa la strada verso un ruolo da titolare.

Il giocatore venne pagato 22 milioni di euro più bonus dalla società giallorossa, dopo la straripante stagione nelle file del Verona nel corso della quale disputò 33 gare andando a bersaglio 8 volte.

Alla Roma non è stato capace di ritagliarsi un ruolo congeniale alle proprie caratteristiche. Adesso la dirigenza giallorossa avrebbe proposto il calciatore alla Fiorentina, alla ricerca di una punta esterna rapida in grado di rimpiazzare Mohamed Salah. Il giocatore sarebbe assai gradito dal tecnico lusitano Paulo Sousa. Iturbe arriverebbe con la formula del prestito con diritto di riscatto.

Daspo di 5 anni per Pulvirenti e Cosentino

E' cominciato intanto il processo di primo grado della giustizia sportiva contro i vertici del Calcio Catania, coinvolti nell'inchiesta "i treni del gol". Comminata dal Questore di Catania ad Antonino Pulvirenti e Pablo Cosentino la sanzione del Daspo, per 5 anni, che impedirà ai due dirigenti etnei di presenziare a manifestazioni sportive.

La giustizia sportiva dovrà valutare in che modo la dirigenza del sodalizio etneo è stata coinvolta nella combine degli incontri di serie B, e dovrà valutare la sanzione che dovrà essere applicata.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Fiorentina Calciomercato

La posizione di Antonino Pulvirenti, che ha deciso di collaborare con la giustizia, patteggiando, potrebbe alleggerire e di molto, le relative sanzioni alle quali soggiacerebbe il Calcio Catania.

Probabilmente l'atteggiamento conciliante del numero uno del club rossoblu eviterà la radiazione al club catanese, ma non impedirà la retrocessione in Lega Pro con ulteriore penalizzazione di punti. La sentenza è attesa entro giovedi.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto