Stamattina, intorno alle ore 8 come riportato da 'MilanNews.it', Juraj Kucka si è presentato alla clinica 'La Madonnina' di Milano per svolgere le visite mediche con il Milan; successivamente firmerà il contratto che lo legherà ai rossoneri per le prossime tre stagioni. Con una mossa a sorpresa, ieri pomeriggio, l'amministratore delegatoAdriano Gallianiha prelevato il centrocampista slovacco dal Genoapagandolo appena 3 milioni di euro, proprio mentre tutto lasciava presagire ad un suo trasferimento in Turchia, al Bursaspor.

Dopo la rapida e felice conclusione di questa trattativa, il Milan ha comunicato alla Sampdoria che non avrebbe più preso Roberto Soriano, per il quale i dialoghi sono andati avanti per oltre una settimana.

L'arrivo di Kucka, però, non esclude l'arrivo di un altro centrocampista, di caratteristiche diverse. Il Milan infatti necessita sempre di un regista che sappia giocare davanti la difesa ed impostare il gioco.

Ad oggi, il nome più probabile resta quello di Pierre-Emile Højbjerg, 20enne danese del Bayern Monaco, che la società bavarese darebbe volentieri via con la formula del prestito poiché chiuso all'Allianz Arena da Xabi Alonso e Thiago Alcantara. L'interessamento del Milan è confermato anche dall'emittente satellitare tedesca 'Sport1'. Si potrebbe invece riaprire la pista che porta ad Axel Witsel, 26enne interno di centrocampo dello Zenit, come riportato nella nottata di ieri da 'Sky Sport', soltanto nel caso in cui i russi chiudessero l'accordo con il Monaco per l'acquisizione di João Moutinho e nel momento in cui il Milan decidesse di cedere alle lusinghe dell'Olympique Lione per il suo capitano, Riccardo Montolivo, che piace anche alla Juventus ed alla Roma.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Serie A Milan

Non sono esclusi movimenti 'last minute' anche in difesa. Ieri notte il Milan aveva praticamente ceduto Philippe Mexés alla Fiorentina. Una trattativa nata all'improvviso, si sussurra per attriti del centrale francese con Siniša Mihajlović, e arenatasi altrettanto rapidamente visto che, come scritto da 'Tuttosport', una volta venutone a conoscenza il Presidente rossonero, Silvio Berlusconi, ha personalmente stoppato l'operazione.

Mexés-Fiorentina, però, è in realtà un'opzione da considerare ancora in piedi e con le contemporanee uscite di Gabriel Paletta verso l'Atalanta ed Alex, che potrebbe rescindere il contratto, potrebbe costringere il Diavolo ad un ritorno sul mercato per un difensore centrale da qui a lunedì 31 agosto: l'opzione principale resta Andrea Ranocchia, ai margini del progetto tecnico di Roberto Mancini all'Intere monitorato da tempo dagli uomini di Via Aldo Rossi.

Infine, capitolo attacco: Cerci ha detto di no al trasferimento al Genoa poiché intende giocarsi le proprie carte in rossonero, ma, con tutta probabilità, non rifiuterebbe un trasferimento alla Fiorentina qualora i viola dovessero salutare Joaquín, che vuole tornare al Betis. Per Suso al Genoa, invece, è tutto fatto: operazione in stand by perché i rossoblu hanno ottenuto il sì di Iturbe dalla Roma, ma non è escluso che lo spagnolo passi comunque in prestito al club di Preziosi.

Alessandro Matri oggi sarà a Londra per svolgere le visite mediche con il West Ham e firmare il contratto che lo legherà agli 'Hammers' per una stagione. E con Niang e Ménez infortunati, la coperta del Milan in attacco si scopre incredibilmente corta ... che i giorni del 'Condor' Galliani portino in dote un altro attaccante alla corte di Mihajlović?

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto