L'attaccante dell'Inter, Adem Ljajic, giunto in prestito dalla Roma, dopo un timido inizio, ha convinto tutti, tifosi, tecnico e addetti ai lavori. L'attaccante serbo è stato autore di una prestazione di grido contro il Napoli nel big match di lunedì, realizzando la rete con la quale l'Inter ha accorciato le distanze al San Paolo e mettendo in costante apprensione la difesa partenopea. Già nelle gare precedenti, Ljajic aveva 'rubato' una maglia da titolare a colleghi più quotati come il compagno di squadra Stevan Jovetic, mettendo in risalto una condizione fisica invidiabile.

Per questo motivo i dirigenti nerazzurri avrebbero adesso deciso di cambiare strategia per il futuro di Ljajic. Mentre nel mese di ottobre si parlava già di un taglio a gennaio, adesso gli uomini mercato dell'Inter avrebbero deciso di confermare l'attaccante serbo e di volerlo riscattare a fine stagione. Ausilio, contento di avere portato Ljajic a Milano proprio negli ultimi giorni del mercato estivo, ha chiesto un colloquio con Sabatini per definire al più presto le sorti dell'attaccante.

Novembre, il mese del riscatto per Ljajic

Inizialmente Ljajic aveva trovato poco spazio nell'Inter, anche perchè in allenamento non aveva messo in mostra quell'impegno che Mancini gli chiedeva per diventare un perno dell'attacco nerazzurro.

Nei pochi minuti nei quali veniva impiegato, raramente aveva messo in mostra quelle doti già apprezzate durante i suoi trascorsi a Firenze e Roma. Dopo una eccellente prestazione con la maglia della nazionale serba, Ljajic ha dato una svolta alla propria stagione, diventando decisivo in diverse occasioni, e facendo ammattire Hysaj nella sfida clou contro il Napoli.

Oggi Ljajic rappresenta per l'Inter una solida realtà. Ljajic è giunto a Milano con la formula del prestito oneroso al prezzo di 1,75 milioni di euro annui e un riscatto fissato a 11 milioni di euro, una cifra che l'attaccante serbo ha mostrato abbondantemente di valere e che l'inter ha intenzione di pagare per riscattare l'intero cartellino.