“La partita di domani rappresenta uno snodo importante per il nostro campionato: una vittoria, infatti, ci permetterebbe di accorciare i tempi per la risalita in classifica”. A parlare è il tecnico della Juventus Allegri che oggi, nel corso della conferenza stampa della vigilia, ha analizzato la delicata gara contro la Fiorentina. “Il nostro obiettivo è quello di arrivare a marzo ed essere competitivi su tutti i fronti. Per la Champions League, aspettiamo il sorteggio di lunedì mentre in Serie A cercheremo di essere a ridosso delle prime per giocarci poi le nostre chance”.

I bianconeri dovrebbero ritrovare alcuni giocatori, rimasti a riposo nei giorni scorsi. “Khedira - ha detto Allegri - sta discretamente bene così come Mandzukic, Evra e Zaza e quindi, salvo cambiamenti dell’ultim’ora, saranno tutti a disposizione”. Salgono poi le quotazioni di Rugani, su cui il tecnico crede molto. “L’ho visto bene, come sempre. È pronto per giocare, da qui fino alla sosta di Natale avrà il suo spazio”. Il discorso si è poi spostato su Morata, criticato da una parte dei tifosi dopo le ultime prestazioni. “Su di lui sono state dette cose eccessive. In Champions ha sempre fatto gol e avuto occasioni. Lui è un attaccante, sa che ci sono momenti in cui tocchi una mezza palla e segni, ed altri in cui non entra.

Ma il suo livello è fuori discussione e a confermarlo è la prestazione di Siviglia, che per me è stata positiva”.

Allegri: “Fiorentina sta giocando bene”

In campo dovrebbe essere riproposto il 3-5-2 ma l’allenatore ha preferito non sbilanciarsi, anche per non dare punti di riferimento alla Fiorentina. “Nessuno si aspettava di vederla in questa posizione ma se lo merita perché sta giocando bene”.

I viola al momento sonosecondi a32 punti, a una sola lunghezza dal primo posto. Una posizione frutto didiecivittorie e due pareggi, tre invece le sconfitte.“Se sarà candidata allo scudetto lo vedremo nei prossimi mesi ma intanto merita pienamente la sua posizione in classifica, inoltre gioca con poche pressioni. Di sicuro la Fiorentina gioca un buon calcio e può contare su elementi di qualità come Ilicic, Borja Valero e Kalinic.

In ogni caso,escludo una marcatura a uomo”.

Attacco e difesa: i numeri della Fiorentina

Anche la difesa sta dando il proprio contributo, visto che le reti subite dalla squadra di Sousa sono 12: una di testa, quattro di sinistro e sette di destro.Nessunrigorecontro finora, proprio come la Juve e l’Empoli, per una retroguardia che è stata battuta quasi sempredentro l’areadi rigore. La Fiorentina, inoltre, possiede anche il miglior attacco della Serie A con 30 reti all’attivo, di cui 9 messe a segno da Kalinic. “È tecnicaeaggressivaallo stesso tempo. Dovremo affrontarla nel migliore dei modi senza abbassare mai la guardia, sapendo che vincere domani ci consentirebbe di fare un grande salto in avanti in classifica”.