Il sorteggio di Champions League riserva alle italiane due scontri durissimi: Roma-Real Madrid e Juventus-Bayern Monaco. Se tra i giallorossi e i galàcticos la bilancia pende a favore di questi ultimi, Juventus e Bayern di Monaco sarà sfida totale tra due dei club più solidi, titolati e potenti in Europa, che vantano numerose analogie. Insieme all'Ajax sono le uniche squadre europee ad aver vinto almeno una volta tutte e tre le coppe: dei Campioni, delle Coppe e Uefa. In termini di Champions League vinte i baveresi sono in vantaggio per 5 titoli a 2, è vero, ma la Juventus ha perso numerose finali.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Juventus

Le coppe intercontinentali vinte sono invece due per parte.

Per quanto riguarda gli scudetti nei rispettivi campionati è avanti la Juventus, con 31 titoli nazionali contro le 25 Bundesliga del Bayern Monaco.

Torino e Monaco divise dalle Alpi rappresentano entrambe il meglio del capitalismo europeo, tanto che Juventus e Bayern di Monaco sono all'interno di potentissimi gruppi industriali. Non è un caso, infatti, che le due società godano di impianti sportivi tra i più moderni e innovativi d'Europa, lo Juventus Stadium e l'Allianz Arena. E la sfida procede con gli sponsor sulle maglie: Jeep per la Juventus, un brand che sta muovendo alla conquista dell'Europa provenendo dagli Stati Uniti, e Volkswagen per il Bayern di Monaco, che l'Europa l'ha già conquistata ed è stata frenata negli Usa solo dallo scandalo dieselgate.

Juve - Bayern, la sfida del campo

Molto difficile eleggere una vera favorita per questi ottavi di finale, e non solo per le ragioni sopra elencate, ma soprattutto per il fattore campo.

I migliori video del giorno

Guardando l'undici titolare di entrambe le formazioni, si assiste a un equilibrio assoluto già tra i pali, dove sono impegnati due dei più forti portieri al mondo: Buffon e Neuer. Ma il destino della sfida potrebbe passare dalla classe e il talento dei giocatori più rappresentativi. Se dobbiamo eleggere una coppia di campioni per squadra, allora vale la pena citare Dybala e Pogba per i bianconeri e Robben e Lewandowski per i granata, colore che non piace troppo alle vecchia signora.

Ma a decidere l'attesissima sfida che si giocherà il 23 febbraio a Torino e il 16 marzo a Monaco potrebbe anche essere un ex: tutti pensano a quel giocatore tutto cuore e anima di Vidal, pratico e inossidabile come una Volkswagen, ma ex è anche lo juventino Mandzukic, abituato a lottare e inerpicarsi nel gioco aereo come solo una Jeep sa fare.