Non usano mezze parole i decani della curva sud del Milan, già da tempo in aperta contestazione verso l'operato della dirigenza rossonera, per alcune scelte di mercato infelici che avrebbero compromesso anche la stagione attuale. A rappresentare il malcontento del tifo organizzato ci ha pensato Giancarlo Capelli, uno degli storici capi della curva Sud, che ha attaccato ad alzo zero la dirigenza rossonera ai microfoni di SportItalia: 'Lo diciamo da molto tempo che al Milan manca un vero e proprio direttore sportivo.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Milan

Ci fa piacere che anche gocatori storici del Milan si siano accorti di questo aspetto'.

Il Milan, che ha investito massicciamente sul mercato di agosto nonostante gli arrivi di Bacca, Luiz Adriano, Bertolacci e Romagnoli, non è riuscito ad invertire la rotta rispetto al rendimento fallimentare della scorsa stagione.

E' stato rafforzato l'attacco anche con l'arrivo di Balotelli, mentre a gennaio è già stato annunciato il ritorno di Boateng che già si allena a Milanello da diverse settimane. Ma la classifica piange e i numeri sono impietosi anche con il nuovo tecnico Mihailovic, che non ha ancora saputo dimostrare di avere svoltato rispetto alla stagione disastrosa sotto la guida di Filippo Inzaghi.

I numeri del Milan

Il Milan continua a giacere in posizioni di classifica ben distanti dalle posizioni di vertice, con un ritardo di nove punti dall'Inter prima in classifica, e a 7 dal terzo posto che vale la qualificazione in Champions, occupato al momento dalla Fiorentina. I rossoneri continuano a denotare evidenti limiti caratteriali, soprattutto lontani dalle mura amiche.

In trasferta il Milan ha collezionato solo 2 successi in 8 gare, mentre sono state 4 le sconfitte e due i pareggi.

I migliori video del giorno

Nell'ultima gara, i rossoneri sono stati bloccati sullo 0-0 dal Carpi, in un match che avrebbe potuto rilanciare le quotazioni del Milan verso le zone alte. L'obiettivo minimo stagionale è quello di centrare almeno il terzo posto, utile per disputare i preliminari di Champions. I rossoneri, nella scorsa stagione, fallirono anche l'obiettivo Europa League.