L'Arsenal è riuscito nella difficile impresa di vincere ad Atene sull'Olympiacos, qualificandosi in extremis agli ottavi di Champions: il grande protagonista della serata è stato Olivier Giroud, autore di tutte e tre le reti dei 'Gunners', l'ultima su rigore. Nell'altra sfida, successo prevedibile del Bayern Monaco a Zagabria contro la Dinamo per 2-0: anche qui un solo marcatore, il polacco Lewandowski, autore di una doppietta. Del Gruppo E, vi abbiamo raccontato in precedenza con le qualificazioni di Barcellona e Roma, con il Bayer Leverkusen in Europa League.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Champions League

Gruppo F, Olympiacos-Arsenal 0-3, Dinamo Zagabria-Bayern Monaco 0-2

Olympiacos: Roberto 5; Elabdellaoui 4, Siovas 4, Da Costa 4, Masuaku 5,5; Milivojevic 5, Kasami 5,5 (Dominguez 5); Seba 5 (Hernani 5,5), Fortounis 7, Pardo 5,5 (Finnbogason s.v.); Ideye Brown 5.

Arsenal: Cech 7; Bellerin 6,5, Mertesacker 6,5, Koscielny 6,5, Monreal 6; Ramsey 7, Flamini 7; Ozil 7, Campbell 7 (OxladeChamberlaine s.v.), Walcott 6 (Gibbs 6); Giroud 8 (Chambers s.v.).

Dinamo Zagabria: Eduardo 6,5; Pinto 6, Sigali 5,5, Taravel 5,5, Pivaric 6; Rog 6 (Pavicic s.v.), Goncalo 6,5, Antolic 6; Soudani 6,5; Coric 6 (Pjaca 6), Fernandes 6 (Machado 6). 

Bayern Monaco: Ulreich 7; Lahm 6,5, Benatia 6 (Boateng 6), Martinez 6,5, Rafinha 6; Kimmich 6,5, Xabi Alonso 7, Rode 7; Green 6 (Vidal 6), Lewandowski 8, Ribery 6 (Müller 7). 

 

Un autogol di Marcano e una rete di Willian regalano a Mourinho gli ottavi di finale a spese del Porto: i lusitani, così, vengono clamorosamente eliminati visto che il gol di Garmash al sedicesimo del primo tempo regala la qualificazione alla Dinamo Kiev.

I migliori video del giorno

Per il Porto, la magra consolazione dell'Europa League.

Gruppo G, Chelsea-Porto 2-0, Dinamo Kiev-Maccabi Tel Aviv 1-0

Chelsea: Courtois 7; Ivanovic 6, Zouma 6,5, Terry 6, Azpilicueta 6; Ramires 6, Matic 6,5; Willian 7, Oscar 7 (Pedro s.v.), Hazard 7 (Remy s.v.); Diego Costa 5 (Mikel s.v.). 

Porto: Casillas 6,5; M. Pereira 5 (Neves 5,5), Maicon 6, Marcano 5,5, Martins Indi 6; Herrera 5 (Tello 6), Danilo 5,5, Imbula 5 (Aboubakar 6); Corona 5, Layun 5; Brahimi 5.

Dinamo Kiev: Shovkovsky 6; Danilo Silva 6,5, Khacheridi 6,5, Dragovic 6,5, Antunes 6; Sydorchuk 6, Rybalka 6; Yarmolenko 6 (Gusev 6,5), Garmash 7 (Veloso 6), Gonzalez 6,5; Moraes 6,5 (Teodorczyk s.v.). 

Maccabi: Rajkovic 7; Dasa 6,5, Garcia 6,5, Tibi 6, Ben Harush 6,5; Igiebor 6 (Peretz 6), Rikan 6,5; Micha 6 (Vermouth 6), Alberman 6,5, Ben Haim 6,5 (Itzhaki s.v.); Zahavi 7.

Un'altra storica qualificazione è quella dei belgi del Gent che si concedono il lusso di battere per 2-1 i russi dello Zenit San Pietroburgo, già da tempo primi del girone H: vantaggio belga con Depoitre, pareggio degli ospiti con il solito Dzyuba e rete del successo con Milicevic.

La qualificazione sarebbe arrivata anche con la sconfitta, visto che il Valencia, chiamato a vincere contro il Lione, è incredibilmente stato sconfitto dai francesi per 2-0 (Cornet e Lacazette).

Gruppo H, Gent-Zenit San Pietroburgo 2-1, Valencia-Lione 0-2

Gent: Sels 6,5; Rafinha 6, Nielsen 5,5, Mitrovic 5,5; Foket 6, Neto 6, Kums 5,5, Asare 5,5; Milicevic 6,5 (Dejaegere s.v.); Depoitre 7 (Coulibaly s.v.), Simon 7 (Saief s.v.).

Zenit: Lodygin 7; Anyukov 5,5 (Bogaev s.v.), Lombaerts 5,5, Garay 5, Criscito 5,5: Neto 5, Javi Garcia 5 (Troyanov s.v.); Danny 6, Yusupov 5,5, Ryazantsev 5,5 (Dolgov 6); Dzyuba 6,5

Valencia: Jaume Domenech 7,5; Cancelo 5, Mustafi 6,5, Abdennour 5,5, Gayà 5; Enzo Perez 6 (Javi Fuego 5), Danilo 5 (Negredo 5), Parejo 5; Santi Mina 5, Alcacer 5,5, De Paul 6 (Piatti 5). 

Lione: Lopes 6; Rafael 6,5, Morel 6, Yanga-Mbiwa 6,5, Bedimo 6,5; Darder 7 (Kone 6), Gonalons 6,5, Tolisso 6,5; Cornet 7,5, Lacazette 7 (Beauvue 6), Grenier 6 (Ghezzal 6).