Questa sera il Milan e soprattutto Sinisa Mihajlovic si giocano un'intera stagione. Allo Stadio San Siro va in scena il quarto di finale di Coppa Italia tra i rossoneri ed il Carpi, match da non fallire visto che la finale della Tim Cup sembra essere l'unico viatico per l'accesso in Europa per il Diavolo. Intanto il mercato inizia ad animarsi e si sta già lavorando per rinforzare la rosa e soprattutto per portare in panchina un allenatore che sappia rilanciare le ambizioni del club di via Aldo Rossi.

Serve un centrocampista di qualità: Fellaini o Witsel?

La cessione di Luiz Adriano - l'attaccante andrà a giocare in Cina - potrebbe portare ad un grande colpo a centrocampo. I principali indiziati sono Fellaini del Manchester United e Witsel dello Zenit San Pietroburgo, già uno degli obiettivi dello scorso mercato estivo rossonero. Arrivare ad uno dei due giocatori non sarà comunque facile perchè il primo sarà ceduto solo a titolo definitivo (si parla di una cifra attorno ai 20 milioni di euro) mentre il secondo, tra circa un mese, potrebbe rimanere in Russia per giocare l'ottavo di finale di Champions League. In questo caso la valutazione è di 30 milioni.

Lippi, Antonio Conte oppure l'alternativa

Il destino di Mihajlovic si deciderà molto probabilmente dopo questa sera. Qualora il Milan non dovesse qualificarsi alle semifinali di Coppa Italia, Marcello Lippi potrebbe diventare il traghettatore fino alla fine di questa stagione. Ovviamente il sogno rimane sempre l'ex mister della Juventus Antonio Conte.

Dopo gli Europei, l'entourage rossonero è pronto a dare l'assalto al tecnico che ha portato tre Scudetti di fila a Torino.

Inoltre a giugno le casse rossonere saranno decisamente più leggere in quanto non saranno più a bilancio gli stipendi di Clarence Seedorf e Pippo Inzaghi. Secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport, il Diavolo sarebbe pronto a tentare Conte con un triennale con un ingaggio davvero molto importante. Ma attenzione anche all'alternativa che sta prendendo corpo nelle ultime ore e che porta all'allenatore del Sassuolo Eusebio Di Francesco.