Un nuovo scandalo e un altro terremoto potrebbe sconvolgere oggi, martedì 26 gennaio 2016, il mondo del calcio. L'agenzia di informazione Ansa, infatti, ha reso noto poco fa l'ordine dato dalla Procura di Napoli di eseguire perquisizioni e sequestri per reati di evasione fiscale e false fatturazioni.

Calcio, scandalo presidenti e procuratori, ultime news 26 gennaio

Dalle prime informazioni che stanno trapelando, sarebbero 64 le persone indagate, tra le quali figurano personaggi di grande spicco del mondo calcistico come i presidenti della Lazio e del Napoli, Claudio Lotito e Aurelio De Laurentiis, l'amministratore delegato del Milan, Adriano Galliani e l'ex dirigente della Juventus, Jean Claude Blanc.

Sarebbero implicati nelle indagini anche il procuratore Alessandro Moggi, l'ex calciatore di Lazio, Inter, Milan e Parma e attuale allenatore del Modena, Hernan Crespo e il calciatore argentino, Ezequiel Lavezzi.

Dalle 8.30 di questa mattina la Guardia di Finanza si trova negli uffici della sede del Milan per acquisire documenti e informazioni in merito a quella che è stata ribattezzata come 'Operazione Fuorigioco': i fatti, oggetto delle indagini condotte dal Procuratore aggiunto, Vincenzo Piscitelli e dai PM Vincenzo Ranieri, Stefano Capuano e Danilo De Simone, si riferiscono agli anni che vanno dal 2009 al 2013 in cui sarebbe stato organizzato un meccanismo fraudolento atto a sottrarre 'imponibile alle casse dello Stato.'

Scandalo, 35 società di serie A e B coinvolte in un nuovo terremoto del nostro calcio?

L'indagine, in ogni caso, sembra destinata inevitabilmente ad allargarsi: sarebbero ben 35 le società militanti nei campionati di serie A e di serie B che sarebbero coinvolte in questo nuovo scandalo che rischia di avere profonde ripercussioni sul calcio italiano.

Nel corso delle prossime ore, ne sapremo certamente di più ed avremo un quadro più preciso delle ipotesi di reato mosse nei confronti di presidenti e procuratori. Ci troviamo di fronte ad un altra pagina nera della storia del calcio professionistico del nostro Paese?

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto