Valida per la seconda giornata dei gironi di qualificazione ai mondiali del 2018 in Russia, giovedì 7 ottobre allo Juventus Stadium si gioca Italia-Spagna, nazionali che si ritrovano di fronte dopo il 2-0 di Parigi firmato Chiellini e Pellè dello scorso 27 giugno negli ottavi di finale Euro 2016. Rispetto ad allora, oggi su entrambe le panchine c’è un nuovo condottiero: Giampiero Ventura è il nuovo Ct azzurro in luogo di Antonio Conte, Julen Lopetegui è il nuovo allenatore delle Furie Rosse subentrato a Vicente del Bosque.

Con 5 titoli mondiali e 4 continentali in campo, Italia-Spagna è sempre una partita dal fascino elevato, e giovedì sera è anche subito match delicato in chiave qualificazione, principalmente perché nel gruppo G, completato da Albania, Macedonia, Israele e Liechtenstein, la qualificazione diretta spetta solo alla vincente del girone, con il secondo posto si va ai play off.

Allo Stade de France la Spagna era favoritissima e i ragazzi di Conte sono stati bravissimi a ribaltare le previsioni, il match di Torino nasce invece all’insegna dell’equilibrio, chi saprà spezzarlo tra le due? Di seguito uno sguardo ai precedenti e il nostro pronostico.

Precedenti di Italia-Spagna

Sono in equilibrio i precedenti tra la nazionale italiana e quella spagnola: 9 vittorie per parte e 13 pareggi in 31 partite. Prima della sfida di Parigi c’è stato il pareggio in amichevole a Udine (1-1) nel marzo 2016 e prima ancora (2014), sempre in un test match, una vittoria della Spagna a Madrid per 1-0. Risale invece a 45 anni fa l’ultima vittoria delle Furie Rosse in casa dell’Italia, 20 febbraio 1971: 2-1 in amichevole giocata al Sant’Elia di Cagliari, Picchio De Sisti e Pirri e Uriarte per la Spagna i marcatori.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Pronostici Calcio

Pronostico del match

Italia con l’assenza pesante di Chiellini (senza contare il lungodegente Marchisio) e con Verratti non ancora al meglio della forma, sostituiti rispettivamente dal deb Romagnoli e da De Rossi. Dopo anni di dominio la Spagna è praticamente all’inizio di un nuovo ciclo, con molti Under 21 promossi da Lopetegui in prima squadra e senza più alcuni veterani prestigiosi come Fabregas e Casillas, anche se in campo non saranno più di tre o quattro le pedine differenti rispetto a quelle utilizzate da del Bosque in Francia.

Prevedendo una gara equilibrata (e forse anche noiosa) i book non si sbilanciano, e in fondo potrebbero avere ragione, un pareggio giovedì sera accontenterebbe tutti: X.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto