La vittoria contro l'Akragas ha restituito fiducia a tutto l'ambiente Reggina, ma la strada da percorrere per raggiungere la salvezza continua ad essere lunga e piena di ostacoli.

La situazione di classifica attuale che vede gli amaranto al di fuori dai play out è da considerare il giusto di partenza, ma chi si ferma è perduto.

Lo sa bene la società che, pur non avendo mai mascherato di avere poca possibilità di investimento, sta provando a farsi trovare pronta per non lasciarsi sfuggire le occasioni che la fase finale del calciomercato può regalare.

Chi arriva e chi parte?

La prima operazione operata dal direttore generale Martino permette di prendere due piccioni con una fava. Da un lato il bilancio perde la zavorra determinata dall'ingaggio da pagare a Fabio Oggiano, elemento che era ormai al di fuori dai piani. L'attaccante sardo proverà a riscattare l'opaca prima parte di stagione (impreziosita comunque da un gol nel derby col Messina) al Lumezzane, dove si trasferisce in prestito.

A Reggio arriva Vito Leonetti, calciatore che aumenterà le possibilità di scelta di Karel Zeman in attacco e che, soprattutto, determina una strategia precisa. I tanti scontri diretti che gli amaranto avranno in casa nel girone di ritorno determinano la necessità di ampliare il parco attaccanti, in modo da garantirsi una maggiore moltitudine di soluzioni da schierare contro squadre che arriveranno al Granillo con l'intento di chiudersi.

E non è finita perchè, secondo 'Radio Mercato', esisterebbe un interesse amaranto verso l'attaccante della Fidelis Andria Fall. Centravanti duttile, ad oggi appare un obiettivo difficile anche per l'affollamento nel reparto avanzato che oggi prevede anche elementi come Lancia, Silenzi e Tommassone che, fino ad ora, hanno trovato poco spazio.

In uscita da piazzare c'è sempre Alessio De Bode, difensore centrale ormai fuori dal progetto. Proprio la difesa sarebbe l'altro reparto che la società punta a rafforzare dove si cercano altre alternative ai centrali titolari Gianola e Kosnic.