Andrea Pirlo tornerà in Italia alla Juventus, però non darà sfogo alla sua fantasia ed immaginazione in centrocampo ma nel ruolo di ambasciatore in giro per il mondo.

Un ruolo simile è stato affidato a David Trezeguet, il più recente cronologicamente a fare il suo ritorno in casa bianconera dopo aver detto addio al calcio.

Quella di Trezeguet sarà la stessa sorte che intraprenderà il campione del mondo 2006 e vice-campione d'Europa 2012 ovvero Andrea Pirlo, che si ritirerà dal terreno di gioco alla fine del 2017.

In seguito alla decisione di concludere la sua carriera oltreoceano, dopo tre stagione nella Major League Soccer (nel New York City precisamente), il l'ex fantasista della Juventus vuol ritornare nella città dove ha passato i tempi migliori della sua carriera.

La Juventus potrà sfruttare le sue conoscenze e la sua grande popolarità, sviluppata anche e soprattutto agli anni passati in America.

Non solo ambasciatore della Juventus

Oltre a sedere davanti alla scrivania nel ruolo di ambasciatore nel mondo per gli attuali campioni d'italia, Andrea Pirlo potrebbe appartenere delle "Legends" della Vecchia Signora e giocare qualche incontro di beneficenza e intrattenimento con gli altri ex giocatori bianconeri.

Il ritorno di una persona speciale come Andrea Pirlo è senz'altro un indizio da parte di tutta la società al fine di avere a casa propria agenti di valore, con l'amore per il bianco ed il nero, in grado di delineare al meglio il proprio brand.

Oltre all'amore incondizionato per la maglia bianconera, una delle ragioni che hanno portato l'ex centrocampista juventino in Italia è la gravidanza della compagna Valentina Baldini che è in attesa di 2 gemelli che Pirlo vorrebbe far crescere a Torino.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Calciomercato

Sarà una vita completamente diversa e sovvertita, quella di Andrea Pirlo, che non si ritroverà più in pantaloncini e calzettoni a dover servire assist d'oro per i goal dei suoi attaccanti, piuttosto in un ufficio dietro una scrivania e probabilmente in camicia e cravatta: con lo scopo di continuare a sudare e dare il meglio di sé per il bianco e il nero.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto