Stadio della Roma: l'accordo raggiunto tra Parnasi, Pallotta e Virginia Raggi per il Comune di Roma scontenta la base dei duri e puri del Movimento Cinque Stelle romano, limita i ricavi di Parnasi (si parla di circa 130 milioni di opere pubbliche eliminate dal nuovo progetto e il Business park sarà tagliato del 60%) dato che i tre grattacieli previsti non saranno realizzati, al fine di limitare la cubatura inizialmente prevista (dal milione di metri cubi si costruirà circa la metà).

Altre novità: nuova fermata della Roma-Lido e una riqualificazione dell'asse viario Ostiense-Via del Mare. L'accordo, di portata storica per la Capitale, non accontenta comunque né i puri e duri del Movimento di Grillo, nè tranquillizza chi voleva evitare un'ulteriore, pesante, cementificazione di Roma.

Pallotta annuncia l'accordo ma la Regione non scioglie la riserva

I tifosi della Roma puntavano fortemente alla realizzazione di uno stadio che, comunque, non sarà della Roma ma del Gruppo che fa capo a James Pallotta. Da verificare anche l'annuncio della messa in sicurezza del quartiere di Decima, area comunque a rischio esondazione.

La Regione Lazio ha già annunciato la seria intenzione di vigilare sulla realizzazione del complesso.

La Sindaca ripeteva, ieri, che lo stadio, e il complesso attiguo, saranno eco-compatibili, all'avanguardia per quanto riguarda le nuove tecnologie ed è stata comunque evitata ogni conseguenza legale per il mancato rispetto della vecchia delibera (la 132/2014) a firma giunta-Marino.

I ribelli del CinqueStelle romano in rivolta

Non solo le attuali opposizioni al Comune di Roma, ma anche parte della base del Movimento di Grillo si oppone a questo accordo.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
A.S. Roma

Per esempio, si accusa la Raggi di aver rinunciato alla realizzazione (che sarebbe stata a carico del gruppo Parnasi) del prolungamento della Metro B, del ponte aggiuntivo sul fiume Tevere, e la bretella del collegamento con la Roma-Fiumicino. E se prima lo Stadio rappresentava da solo il 15% dell'intero progetto, ora ne rappresenta il 25% circa. Inoltre i vincoli della Soprintendenza non sono affatto superati.

Il gruppo consiliare dei Cinquestelle è spaccato: sono 10 i consiglieri ostili al progetto attuale. Cosa faranno quando la delibera dovrà essere votata in aula, non si sa; come non si sa se l'effetto più che positivo riguardo l'impatto della notizia della realizzazione dello stadio sulla tifoseria, non convincerà qualche esponente della minoranza a votare sì. L'impressione è che, ormai, lo stadio dove giocherà la Roma fra tre anni, si farà, con buona pace dei veri ambientalisti.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto