Closing-Milan, una storia infinita. Giorni fa filtrava pessimismo sulla buona riuscita della trattativa con Silvio Berlusconi pronto a 'tornare' in campo e condurre ancora il Milan. La mancata chiusura dello scorso tre marzo aveva creato una situazione imbarazzante e Yonghong Li rischiava di perdere le due caparre da 100 milioni versate a dicembre e agosto. Le imposizioni dello stato cinese sugli investimenti di capitali esteri ha fatto indietreggiare alcuni importanti investitore della cordata rappresentata da Sino-Europe Sports a tal punto da lasciare da solo il rappresentante e presidente operativo Yonghong Li.

A 'salvare' Yonghong Li è stato Marco Fassone. Il closing si farà il prossimo 14 aprile perché i soldi ci sono. Li ha ottenuto i 300 milioni necessari, tra finanziamento iniziale e successivo closing, a rilevare il club di via Aldo Rossi grazie all'inserimento negli ultimi giorni del fondo di investimento americano Elliott. Non sarà più Sino-Europe Sports la società che rileverà il Milan ma Rossoneri Sport Investment Lux che fa sempre capo a Yonghong Li.

Saranno destinati 180 milioni al closing e 73 milioni per finanziare il debito del Milan e pagare le banche. Infine, il finanziamento sarà trasformato in obbligazione che prevede un'altra tranche da 50 milioni destinati allo sviluppo del Milan.

Il closing si avvia, salvo ulteriori e prevedibili sconvenienti, alla data definitiva. Dopodiché i futuri dirigenti inizieranno a lavorare sul fronte calciomercato con due obiettivi prioritari: il rinnovo di Vincenzo Montella e quello più spinoso dei gioielli come Donnarumma, Suso e Romagnoli.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Milan

L'aeroplanino ha più volte fatto intendere di voler continuare sulla panchina rossonera mentre i gioielli rossoneri vorranno capire di che pasta è fatto il progetto del nuovo Milan.

La società investirà poco nel calciomercato estivo con obiettivi mirati e decisi. Uno nome importante per reparto per sistemare la rosa di Montella e tutti gli indizi porta a tre vecchi obiettivi di Galliani: Musacchio, Badelj e Keita Baldé.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto