Ieri sera la Roma ha battuto la Juventus per 3-1, blindando il secondo posto dall'assalto del Napoli e rimandando la festa Scudetto della compagine bianconera. Quest'ultima, dopo essere passata in vantaggio con Lemina, ha praticamente staccato la spina, subendo quasi subito il pareggio di Manolas, per poi essere superata nella ripresa grazie alle reti di El Shaarawy e Nainggolan. Il centrocampista belga è stato tra i protagonisti della gara, ha festeggiato andando sotto il settore ospite, salvo poi avere un botta e risposta anche su Twitter. "Battere la Juve è il suo Scudetto", la prima frase scritta da un tifoso ovviamente bianconero, alla quale il ninja ha risposto con un "Non rosicare...".

Lo scontro sul web, poi, è andato avanti, con un messaggio di un altro tifoso che ricorda a Nainggolan il secondo posto sempre dietro la Vecchia Signora, ovvero che nemmeno quest'anno vincerà un trofeo. "La cosa più bella è che mi cercate sempre, qualcosa di buono l'ho sicuramente fatta", questa la seconda risposta del belga, ovvero un chiaro riferimento all'interesse bianconero nei suoi confronti durante le scorse sessioni di calciomercato. Il suo futuro sembra essere sempre nella Capitale, anche se diverse big europee sono pronte a fare follie per averlo, in particolare Chelsea e Manchester United. I blues ci provarono già a luglio, arrivando ad offrire ben 40 milioni ai giallorossi, ma alla fine l'affare non andò in porto.

In Italia, invece, recentemente si è parlato dell'Inter, al momento ipotesi utopistica, anche perché i nerazzurri non potrebbero offrire il palcoscenico della Champions League.

Nainggolan e l'ossessione per la Juventus

Non è la prima volta che il classe 88 si scaglia contro i bianconeri e i suoi tifosi.

La scorsa stagione, infatti, dopo un'altra vittoria giallorossa all'Olimpico per 2-0 nella seconda giornata di campionato, sempre su Twitter il belga aveva scritto: "Opppssssss", ricevendo ovviamente diversi insulti. Il precedente più clamoroso, però, risale allo scorso febbraio, quando il giocatore, senza sapere di essere ripreso da alcuni tifosi, si lasciò andare a frasi molto più pesanti: "Sono contro la Juventus da quando sono nato, la odio a prescindere perché hanno sempre vinto con un rigore o con una punizione.

Sono venuto qua a Roma per vincere qualcosa contro la Juve". Parole a cui la società di Corso Galileo Ferraris non ha mai dato risposta, preferendo la via del silenzio.