Il Milan e Donnarumma sono pronti ad andare avanti insieme. Il talentuoso portiere di Castellammare di Stabia ha ribadito a Mino Raiola l'intenzione di giocare in rossonero per ancora diversi anni. Il procuratore aveva tentato l'azzurro con una maxi offerta del Paris Saint Germain ma Gigio, per ora, vuol vedere la Tour Eiffel solo da turista. Il portiere firmerà per i prossimi cinque anni ed avrà un sostanzioso ritocco sull'ingaggio. Nella sostanza l'estremo difensore sottoscriverà un accordo a scalare partendo da 3.5 milioni di euro di base. L'ultimo scoglio da superare resta la clausola compromissoria che permetterebbe al manager del calciatore di tenere una porticina aperta a faraoniche offerte future.

Donnarumma sogna di diventerà una bandiera del club rossonero e non è da escludere che Montella gli affidi la fascia di capitano in caso di partenza di Montolivo e Abate. La notizia dell'imminente rinnovo dell'accordo con il portierone napoletano ha fatto tirare un sospiro di sollievo ai sostenitori del diavolo.

Ore decisive per l'attaccante

Ora i tifosi si attendono un colpo importante per il reparto avanzato. Morata ha già preso la strada di Manchester per approdare alla corte di Mourinho. Al momento Belotti sembra irraggiungibile e le altre alternative non convincono del tutto Montella. Alla fine l'ex tecnico della Fiorentina potrebbe dirottare le proprie attenzioni su Nicola Kalinic. L'attaccante viola non è incedibile e di fronte ad un'offerta importante Della Valle potrebbe lasciare partire il centravanti.

Il giocatore ha già espresso il gradimento di massima al trasferimento e la prossima settimana si potrebbe definire i dettagli dell'accordo. Non giocando in Champions il Milan farà fatica a convincere un top player (Cavani?) ad approdare a Milanello.

Kalinic pronto a vestire il rossonero

In caso contrario bisognerà scommettere sui nuovi talenti che offrono i mercati esteri.

Un'ipotesi che non sembra esaltare più tanto Montella. I media inglesi hanno riferito di un possibile trasferimento in rossonero di Diego Costa. L'attaccante è in rotta con il Chelsea e potrebbe approdare in prestito alla corte dell'aeroplanino. Mirabelli ha buoni rapporti con il procuratore (Jorge Mendes) del calciatore ma resta il nodo dell'ingaggio da risolvere.

Secondo il quotidiano olandese The Telelegraph il Chelsea si accollerebbe metà del super stipendio di Costa.