È tutto pronto ormai allo stadio San Paolo per la sfida che potrebbe far sognare in grande le squadre chiamate in causa. Parliamo di Napoli e Inter, la prima e la seconda della classe. I punti che ad oggi le separano, prima del match clou sono esattamente 2, in caso di vittoria di una delle due la parola chiave è "capolista in solitario".

Ormai lo stadio è tutto esaurito ed i tifosi partenopei sognano in grande, sperando che questo sia il loro anno, ma dall'altra parte ci sono i tifosi interisti, che dopo qualche anno di transizione e delusioni varie, si trovano là ad un passo dal primo posto.

Per i più scaramantici, è vietato pronunciare la parola "Scudetto". In effetti, andiamo incontro alla nona giornata di campionato, ma sognare si può e soprattutto si deve.

Analizzando il match

Napoli: La squadra di Sarri, che quest'anno sembra andare ad un velocità stratosferica, arriva alla partita con l'Inter dopo la sconfitta in Champions League, in casa del Manchester City. Senza dubbio gli uomini di Sarri sono consapevoli delle loro possibilità, Mertens dopo aver fallito il rigore all'Etihad Stadium vorrà riprendere la sua corsa al gol e soprattutto il Napoli vuol far capire che non ce ne sarà per nessuno.

Insigne che purtroppo si è stirato ancora non si sa se partirà titolare o addirittura se salterà la partita di sabato.

Gli undici di mister Sarri possono contare sulla spinta del loro pubblico, che in casa è fantastico e tutti sappiamo quanto sia caloroso il tifoso dei partenopei. Non bisogna però dimenticare, che per quanto riguarda il campionato, nonostante il gol fatto da Insigne nei primi minuti su netto errore di Daniele De Rossi e nonostante aver sofferto la Roma per tutto il secondo tempo e ancora, grazie ad uno strepistoso Reina, gli azzurri arrivano al match con una vittoria proprio sul campo dello Stadio Olimpico.

Inter: La squadra di Spalletti, prende sempre più forma e dopo aver vinto il derby di Milano per 3-2 al 90', arriva nel capoluogo campano, con tanta voglia di far bene e soprattutto con la consapevolezza di poter battere chiunque. Icardi l'uomo partita nel derby, che lo ha firmato con una tripletta arriva al match con l'entusiasmo alle stelle.

Ma non è da meno il contorno, perché se Spalletti deve prendersi un merito, è proprio quello di far lavorare tutto il gruppo e non solo i singoli. Forse da rivedere un po' la fase difensiva che ha subito 2 gol, però come si sa da sempre i derby sono una partita a sé. L'Inter "spallettiana" c'è. Il suo lo sta facendo bene e lo dimostra la posizione in classifica, addirittura avendo più punti rispetto allo scorso anno.

Le conclusioni

Tutti, tifosi e non, si aspettano una bella partita sugli spalti e soprattutto in campo. Ci aspettiamo che la partita si accenda a suon di gol, cosa che potrebbe essere possibile visti i tanti campioni in campo. Una cosa è certa, la vincitrice potrebbe iniziare a sognare in grande, nonostante sia ancora solo la nona giornata di campionato e soprattutto sia vietato nominare quella parola "scudetto".

C'è da dire che l'Inter potrebbe essere favorita, avendo il solo impegno di campionato e quando sarà di Coppa Italia, mentre il Napoli lotta su tre fronti, ma nel calcio niente è scontato e tutto è possibile. Aspettiamo tutti con ansia addetti ai lavori e non, sabato sera, per commentare il dopo partita.